Afghanistan: razzi contro l’aeroporto di Kabul

Lo riferisce l’emittente televisiva satellitare qatariota “Al Jazeera”

usa afghanistan kabul

Sarebbe salito a dodici vittime, tra cui sei bambini, il bilancio dell’attacco aereo statunitense avvenuto ieri vicino all’aeroporto internazionale di Kabul, in Afghanistan. Lo riferisce l’emittente televisiva satellitare qatariota “Al Jazeera”. Ieri, due fonti statunitensi hanno confermato al “New York Times” che gli Usa hanno condotto un attacco aereo a Kabul contro una “minaccia credibile”. In precedenza il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, aveva riferito che il raid Usa ha colpito un uomo intenzionato a farsi esplodere all’interno del suo veicolo nella zona dell’aeroporto della capitale dell’Afghanistan, già teatro di un violentissimo attentato lo scorso 26 agosto, rivendicato dallo Stato islamico del Khorasan e costato la vita ad almeno 169 afgani e 13 militari Usa. Sabato sera, 28 agosto, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, aveva avvertito del pericolo “molto concreto” di un nuovo attacco dello Stato islamico nelle successive 24-36 ore. Inoltre, il capo della Casa Bianca aveva affermato che l’attacco con droni che all’alba del 28 agosto ha colpito due “profili di primo piano” dello Stato islamico del Khorasan nella zona di Jalalabad non sarebbe stato l’ultimo. La mattina di ieri l’ambasciata Usa a Kabul aveva invitato tutti i suoi cittadini a tenersi lontani dall’aeroporto. La portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, ha detto che Biden ha ribadito “l’ordine ai comandanti di raddoppiare gli sforzi per dare priorità a tutto il necessario per proteggere le nostre forze sul terreno”.



Le forze armate Usa: “Eliminata una imminente minaccia dello Stato islamico del Khorasan”

Con l’attacco aereo condotto ieri pomeriggio a Kabul, gli Stati Uniti hanno eliminato “una minaccia imminente” dello Stato islamico del Khorasan diretto verso l’aeroporto internazionale Hamid Karzai. Lo ha dichiarato in una nota il portavoce del Comando centrale delle forze Usa, Bill Urban, confermando il raid che, secondo quanto riferito in precedenza dai talebani, avrebbe colpito un uomo intenzionato a farsi esplodere all’interno del proprio veicolo nella zona dell’aeroporto. “Siamo fiduciosi di aver colpito l’obiettivo. Significative esplosioni secondarie dal veicolo indicano la presenza di un sostanzioso carico di materiale esplosivo all’interno”, ha aggiunto l’ufficiale. Urban ha precisato che gli Stati Uniti stanno valutando ora “la possibilità di vittime civili”, ma finora “non ci sono indicazioni” in tal senso. In precedenza il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, aveva riferito che il raid Usa ha colpito un uomo intenzionato a farsi esplodere all’interno del suo veicolo nella zona dell’aeroporto della capitale dell’Afghanistan, già teatro di un violentissimo attentato lo scorso 26 agosto, rivendicato dallo Stato islamico del Khorasan e costato la vita ad almeno 169 afghani e 13 militari Usa.

afghanistan kabul



 

Un nuovo attacco dello Stato islamico a Kabul è “altamente probabile”, aveva riferito l’emittente televisiva qatariota “Al Jazeera”, citando fonti dei talebani. Il gruppo islamico al potere in Afghanistan è “particolarmente preoccupato per il gate meridionale dell’aeroporto internazionale di Kabul, che è l’ingresso principale protetto dal gruppo armato, così come per l’angolo nord-occidentale dello scalo aereo”, ha riferito Charlotte Bellis, corrispondente della tv araba da Kabul. “I talebani si sono detti molto preoccupati per questa minaccia. Hanno respinto diverse persone e messo del filo spinato dall’altra parte della strada per cercare di impedire a chiunque di avvicinarsi”, ha aggiunto la giornalista, spiegando che molti a Kabul hanno scelto di non andare all’aeroporto per cercare di lasciare il Paese con gli ultimi voli messi a disposizione dagli Stati Uniti.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram