Ambasciatore Starace: “Non disposti a riconoscere il vaccino Sputnik V scavalcando l’Ue”

L'ambasciatore italiano in Russia: "Sarebbe difficile per noi seguire il percorso seguito dall'Ungheria"

grecia

L’Italia non ha intenzione di riconoscere il vaccino russo Sputnik V contro il Covid-19 a livello nazionale separatamente dall’Unione europea, pur essendo in generale interessata al suo utilizzo. Lo ha dichiarato Giorgio Starace, ambasciatore italiano in Russia, citato dall’agenzia di stampa russa “Ria Novosti”. “Sarebbe difficile per noi seguire il percorso seguito, per esempio, dall’Ungheria. Siamo molto strettamente integrati nell’Unione europea, ne siamo un membro importante e rispettiamo le procedure normative all’interno dell’Unione europea”, ha precisato l’ambasciatore Starace.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS