Armenia-Azerbaigian: nuove violazioni della tregua, Mosca media sulla demarcazione dei confini

Ieri sera le forze armate armene hanno aperto il fuoco contro l'esercito azerbaigiano nella regione di Tovuz

armenia azerbaijan

Nuove, anche se meno intense, violazioni del cessate il fuoco al confine fra Armenia e Azerbaigian, mentre la Russia prosegue il suo ruolo di mediazione per facilitare un rapido avvio dei negoziati per la demarcazione dei confini. Il ministero della Difesa azerbaigiano ha denunciato nuove violazioni del cessate il fuoco da parte delle Forze armate armene. Secondo quanto riferito, nella giornata di ieri dalle 17:54 alle 22:52 (14:54-19:54 in Italia), “unità delle Forze armate armene hanno preso di mira i villaggi di Chinarli e Mughanjig, nella regione di Shamshaddin, e utilizzando armi di vario calibro periodicamente hanno aperto il fuoco contro le posizioni dell’esercito azerbaigiano in direzione di i villaggi di Munjuglu, Aghbulag, Gosha, Kokhanebi e Asrik Jirdakhan, nella regione di Tovuz”. Secondo il dicastero di Baku, tutte queste attività sono state soppresse dall’intervento delle Forze armate azerbaigiane. Diversa la versione fornita dal ministero armeno, secondo cui sono state le Forze armate azerbaigiane ieri sera ad aver sporadicamente aperto il fuoco in alcune direzioni del confine nella provincia armena di Tavush. Secondo il dicastero, questi colpi di arma da fuoco hanno provocato un incendio che è stato rapidamente domato senza provocare vittime. A partire da questa mattina la situazione si è relativamente stabilizzata. “Alle 10:00 (le 7 in Italia) la situazione al confine armeno-azerbaigiano è relativamente stabile”, ha affermato il ministero della Difesa.



Intanto il primo ministro Nikol Pashinyan durante la riunione odierna del governo ha spiegato che il ministero della Difesa della Russia ha presentato delle proposte in merito ai preparativi per la delimitazione e la demarcazione dei confini tra Armenia e Azerbaigian. “Ieri, durante la sessione di domande e risposte al Parlamento, ho detto che da maggio ci sono state tre proposte dalla Russia sulla delimitazione e demarcazione dei confini tra Armenia e Azerbaigian, e tutte e tre erano sostanzialmente accettabili per noi e continuano ad esselo. Dopo le mie dichiarazioni di ieri, il ministero della Difesa della Federazione Russa ha avanzato delle nuove proposte in merito a una fase preparatoria per la delimitazione e la demarcazione. E vorrei ribadire che queste proposte sono accettabili per noi”, ha detto Pashinyan. Il premier ha incaricato il ministro della Difesa, Suren Papikyan, di chiarire i dettagli con l’omologo russo Sergej Shoigu per cercare di portare a compimento tali proposte.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS