Asean-Russia: prima esercitazione navale congiunta al largo dell’Indonesia

La manovra iniziata ieri proseguirà per tre giorni, ed è ospitata dalla base navale indonesiana di Belawan, nell'isola di Sumatra

navi nato

La prima esercitazione navale congiunta di Russia e Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico (Asean) è in corso da ieri, primo novembre, sulle acque al largo dell’Indonesia. La manovra iniziata ieri proseguirà per tre giorni, ed è ospitata dalla base navale indonesiana di Belawan, nell’isola di Sumatra. “Quest’esercitazione è un contributo alla pace, alla stabilità e alla prosperità della regione”, ha dichiarato l’ambasciatore della Russia all’Asean, Alexander Ivanov. Il comandante della Prima flotta della Marina indonesiana, Arsyad Abdullah, ha dichiarato che la manovra “rafforzerà l’interoperabilità e la comprensione tra le forze armate di Russia e Asean”. Alla manovra prendono parte in differente misura tutti e dieci i Paesi membri dell’Asean; Vietnam, Indonesia, Thailandia, Singapore, Malesia, Myanmar e Brunei hanno schierato aerei da guerra o aeroplani. Il vietnam, in particolare, ha schierato la fregata HQ-012 Ly Thai To, assemblata in Russia e consegnata alla Marina militare vietnamita nel 2011.



Russia e Vietnam hanno pubblicato un comunicato congiunto contenente la direttrice comune di sviluppo del partenariato strategico bilaterale sino all’anno 2030. La pubblicazione del comunicato segue l’incontro a Mosca tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo vietnamita Nguyen Xuan Phuc lo scorso 30 novembre. Il documento, diviso in sette punti, afferma che il partenariato strategico globale tra i due Paesi poggia su una amicizia consolidata e sulla cooperazione reciprocamente vantaggiosa. I due Paesi si impegnano a rafforzare ulteriormente le relazioni bilaterali entro il 2030 sulla base dei principi di fiducia reciproca, sovranità, integrità territoriale, diritto all’autodeterminazione, non intervento negli affari interni, soluzione pacifica delle dispute e sostegno alla pace, alla stabilità e allo sviluppo regionali e globali. I due Paesi si impegnano inoltre a non aderire ad alleanze o accordi che nuocciano l’indipendenza o la sovranità reciproca. Il comunicato congiunto esprime inoltre l’impegno a rafforzare la cooperazione economica come pilastro del partenariato strategico, con una enfasi particolare sui fronti dell’istruzione tecnica e scientifica e della tecnologia.

Russia e Vietnam si sono inoltre impegnati a sostenere l’edificazione di sistemi più equi e democratici di governo delle relazioni internazionali, e ad opporsi al ricorso a sanzioni unilaterali come meccanismo di soluzione delle controversie internazionali. Mosca e Hanoi hanno ribadito l’adesione alla Convenzione Onu del Diritto del mare del 1982 e si sono impegnate a collaborare per la tutela della sicurezza e della libertà di navigazione e sorvolo sulle rotte internazionali. Hanoi ha promesso infine di lavorare per l’approfondimento delle relazioni tra la Russia e l’Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico (Asean).



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

TAGS