Bielorussia, Ue: “Pronti a schierare meccanismo protezione civile se Polonia lo chiede”

Sono circa 4 mila i migranti che da ieri si sono ammassati al confine

migranti

L’Unione europea può schierare il meccanismo di protezione civile al confine tra Polonia e Bielorussia se verrà richiesto. Lo ha spiegato la portavoce della Commissione europea, Dana Spinant. Il meccanismo, però, viene attivato se il Paese interessato ne fa richiesta, in questo caso Varsavia. “Per prevenire lo sviluppo di una crisi umanitaria, possiamo fornire sostegno con il meccanismo di protezione civile, in quanto il meccanismo può essere attivato e il sostegno può essere fornito molto rapidamente una volta che lo Stato membro lo richiede”, ha detto la portavoce.



Sono circa 4 mila i migranti che da ieri si sono ammassati al confine tra Polonia e Bielorussia, di fatto scortate sino alla frontiera dalle forze armate di Minsk. Questo sviluppo aggrava la situazione già abbastanza tesa al confine fra i due Paesi dove da mesi si registrano ingressi illegali di migranti dentro il confine polacco favoriti dalle guardie di frontiera bielorusse. I video circolati ieri su diversi canali Telegram mostravano dei militari bielorussi, con indosso indumenti mimetici, che scortavano centinaia di persone, fra cui anche diversi minori, verso il confine con la Polonia. La situazione si è aggravata con il passare delle ore e, dopo una riunione di emergenza del governo, le autorità di Varsavia hanno deciso di inviare 12 mila militare al confine con l’intento di impedire l’accesso dei migranti. I filmati diramati dal ministero dell’Interno polacco mostrano le guardie di frontiera utilizzare gas lacrimogeni per fermare l’avanzata di queste persone. Non sono mancati, inoltre, i momenti di tensioni con alcuni colpi di arma da fuoco in aria sparati dal lato bielorusso per evitare che alcuni migranti facessero marcia indietro di fronte alla barriera umana eretta dai militari polacchi. Stamattina sul suo profilo Twitter, l premier polacco, Mateusz Morawiecki, ha affermare che sigillare i confini è una questione di interesse nazionale. “Oggi sono in gioco la stabilità e la sicurezza dell’intera Ue”, ha aggiunto Morawiecki.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram