Botta e risposta tra Salvini e Letta. M5s-Pd-Leu fiduciosi su un percorso comune

L’Assemblea nazionale di Articolo uno è stata un'occasione per fare il punto della situazione politica

Botta e risposta tra Matteo Salvini ed Enrico Letta. Il leader della Lega afferma, in un colloquio oggi con “la Repubblica”, che non sarà l’attuale maggioranza a fare le riforme e propone la candidatura di Mario Draghi per il Quirinale. Immediata la replica del segretario del Partito democratico: “Questo governo è qui per fare le riforme – dice Letta in occasione dell’Assemblea nazionale di Articolo uno -. Se l’intenzione di Salvini è di non farle, per quanto ci riguarda le strade dovrebbero rapidamente divergere perché abbiamo un approccio totalmente differente. Abbiamo oggi le condizioni per fare la riforma della giustizia e non possiamo eludere la questione fiscale. Se Salvini non vuole fare le riforme, tiri le conseguenze ed esca da questo governo”.



Un’occasione, quella dell’Assemblea nazionale di Articolo uno, per fare il punto della situazione politica, a cominciare dal campo del centrosinistra. L’ex presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non ha dubbi: “Abbiamo alle spalle un cammino comune – sottolinea -, un percorso comune con Liberi e uguali, Movimento cinque stelle e Partito democratico, di franco e continuo scambio, e di arricchimento reciproco. Questa esperienza non può essere accantonata – aggiunge il leader in pectore del M5s nel corso del suo intervento sempre all’Assemblea nazionale di Articolo uno -, c’è una stima di fondo testata già in tante esperienze complesse. Ora, però, dobbiamo darci un orizzonte di senso”. Concorda Letta: “Abbiamo davanti un percorso con alcune tappe, una molto complessa è quella delle elezioni Amministrative che deve essere una tappa di convergenza, di avvicinamento alle Politiche. Sono d’accordo con il principio di realismo di Giuseppe Conte. Credo – continua l’ex premier – che questo percorso lo dobbiamo fare insieme”.

Per il ministro della Salute e leader di Articolo uno, Roberto Speranza, “è chiaro che ci sono dei problemi, ma dobbiamo ancora investire nel nostro stare insieme. Le parole, oggi, di Giuseppe Conte e di Enrico Letta segnalano una strada, un percorso che ci dice appunto che dobbiamo lavorare insieme. Le elezioni Amministrative sono un passaggio, c’è il tempo ancora per lavorarci e vorrei che da subito sia chiaro il dopo. Assumere l’impegno, a scatola vuota, e dire che dove noi non riusciremo a fare un accordo al primo turno, dovremo lavorare insieme, in ogni caso – osserva Speranza in conclusione dei lavori dell’Assemblea nazionale di Articolo uno -, per sostenere il candidato di chi di questa famiglia è riuscito ad arrivare al secondo turno”.



 

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram