Cina, “Financial Times”: Xi Jinping scommette sulla tempesta economica per consolidare la sua eredità

In caso di successo, sottolinea il quotidiano economico-finanziario, sarà l'ultima di una lunga serie di “audaci scommesse politiche” vinte dal leader di Pechino

Xi Jinping

Il presidente della Cina, Xi Jinping, sembra navigare in una “tempesta economica” da lui stesso generata che si traduce nella prossima bancarotta di Evergrande Group, seconda azienda di sviluppo immobiliare del Paese, e nella carenza di fonti di approvvigionamento energetico lamentata da diverse imprese cinesi. È quanto sostiene il quotidiano britannico “Financial Times”, secondo cui, a parte piccole correzioni di rotta, analisti e consiglieri del governo di Pechino si aspettano che Xi approfitti di quella che viene definita una “finestra di opportunità” per portare avanti difficili riforme strutturali. In caso di successo, sottolinea il quotidiano economico-finanziario, sarà l’ultima di una lunga serie di “audaci scommesse politiche” vinte dal leader di Pechino, dall’eliminazione dei limiti di mandato alla presidenza alla ricerca della prosperità comune, che lo hanno reso il più temuto della Cina dai tempi di Mao Zedong.



Secondo il “Financial Times”, la promessa di Xi di una “prosperità comune” è particolarmente rischiosa, poiché la determinazione del presidente di tenere a freno i prezzi degli immobili e ridurre la disparità di reddito potrebbe rivelarsi nociva alla seconda economia mondiale. La prossima settimana si riunirà il vertice dell’Istituto di statistica nazionale cinese e saranno pubblicate le stime sulla crescita per il terzo e quarto trimestre di quest’anno e altri importanti indicatori economici. Questi dati, conclude il quotidiano britannico, forniranno indicazioni al governo su come gestire in particolare la crisi di Evergrande e sulla politica energetica per provare a congelare i prezzi.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS