Cina: il Partito comunista riafferma la leadership di Xi e apre al terzo mandato

Il comunicato esalta la figura del presidente presentandolo come uno stratega

Xi Jinping

La leadership di Xi Jinping ha “un’importanza decisiva” per la storia della Cina: è quanto emerge dal comunicato diramato alla fine della sesta sessione plenaria del comitato centrale del Partito comunista cinese, che sembra così rendere sempre più concreta l’ipotesi di un terzo mandato per l’attuale presidente.



Il documento varato quest’oggi fornisce una valutazione storica dei risultati conseguiti dal Partito comunista e traccia le future linee di sviluppo che dovrebbero essere illustrate nel dettaglio domani in occasione di una conferenza stampa. Quanto trapelato finora del comunicato sembra non mettere in discussione l’efficacia della leadership di Xi Jinping, le cui “opinioni e strategie sul governo della nazione” incarnano “il meglio della cultura e lo spirito cinese dei nostri tempi”. Il pensiero di Xi, prosegue il documento, rappresenta “un nuovo punto di svolta nel (processo di) adattamento del marxismo al contesto del Paese”.

Il comunicato esalta la figura di Xi presentandolo come uno stratega perfino superiore ai suoi predecessori, “in grado di dirimere molte questioni difficili irrisolte, che [il Partito] desiderava superare da tempo”. Durante la sesta sessione plenaria, i vertici hanno inoltre notato come il governo abbia contribuito ad espandere l’influenza cinese all’estero, non mancando di incrementare “fiducia e solidarietà” tra il Partito e le minoranze etniche sul piano domestico. Ampliando lo sguardo al di là dei confini della Cina continentale, il documento sottolinea come perfino Hong Kong abbia beneficiato delle politiche del Partito comunista a guida Xi Jinping, che è riuscito a promuovere nella Regione amministrativa speciale “il grande passaggio dal caos alla governance”. Quella di oggi è la terza risoluzione a essere approvata dal plenum del Partito comunista nella storia della Cina dopo quelle presentate da Mao Zedong e Deng Xiaoping.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

TAGS