Covid: il Lazio resterà in zona arancione, indice Rt a 0.9

Lo ha annunciato  l’assessore alla Sanità e integrazione sociosanitaria, Alessio D’Amato, intervenuto a Sky tg24

Lazio

Il Lazio resterà in zona arancione. Lo ha annunciato  l’assessore alla Sanità e integrazione sociosanitaria, Alessio D’Amato, intervenuto a Sky tg24. “Nessun cambio di fascia. Il Lazio rimarrà arancione. Abbiamo un Rt a 0.9 in lieve diminuzione, in diminuzione anche i tassi di incidenza su 100 mila abitanti, permane una situazione di pressione su rete ospedaliera ma questo per noi era inevitabile provenendo da un Rt a 1.3 ma abbiamo le condizioni per rimanere in arancione”, ha concluso D’Amato.

Su oltre 17 mila tamponi (più 3.681 rispetto a ieri) e oltre 21 mila antigenici per un totale di oltre 38 mila test, nel Lazio si registrano oggi 1.240 nuovi casi positivi al Covid-19 (più 159 rispetto a ieri), con 554 contagi a Roma. Inoltre, si registrano 37 decessi (meno 10 rispetto a ieri) e più 1.834 guariti. “Il valore Rt è in calo a 0.9, diminuiscono i focolai e l’incidenza, mentre rimane alta la pressione sugli ospedali” ha detto D’Amato.

In particolare, nella regione sono 3.610 le persone ricoverate, 382 delle quali in terapia intensiva. “Aumentano i casi mentre diminuiscono i decessi e i ricoveri e sono stabili le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 7 per cento, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 3 per cento. I casi a Roma città sono a quota 500”, commenta l’assessore D’Amato. Intanto, da domani a mezzanotte sono aperte le prenotazioni per il vaccino anti Covid alle persone di anni 62 e 63, ovvero i nati nel 1958 e 1959.

 

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram