Covid, Speranza: “Numeri in Italia più bassi rispetto ad altri Paesi europei, ma in crescita”

Il ministro della Salute ha sottolineato che "siamo in una fase molto delicata e serve attenzione"

speranza

“I numeri nel nostro Paese sono un po’ più bassi rispetto ad altri Paesi europei, ma sono in crescita. Siamo ancora in una fase molto delicata, da seguire con grandissima attenzione”. Lo ha detto a proposito del Covid-19 il ministro della Salute, Roberto Speranza, alla “Festa dell’ottimismo 2021”, organizzata da “Il Foglio”, a Firenze.



“Sono ore piuttosto delicate. E’ chiaro che questa nuova variante è un’ulteriore sfida che arriva ai Paesi europei. E’ evidente che dobbiamo mantenere il massimo livello di attenzione e cautela. Abbiamo bisogno di tempo per potere studiare, capire meglio l’impatto reale di questa variante. La comunità scientifica internazionale è al lavoro“, ha affermato il ministro Speranza, sottolineando che  “In questo momento le misure sono queste, non sono all’ordine del giorno nuovi provvedimenti”. “E’ del tutto evidente che valuteremo l’evoluzione epidemiologica, e proveremo a ponderare le misure che abbiamo e le misure potenziali”, alla luce della nuova variante Omicron, ha continuato l’esponente dell’esecutivo.

“I numeri delle ultime ore sono molto incoraggianti. Siamo arrivati a 294 mila richiami nella giornata di venerdì, ed è il dato più alto da quando abbiamo iniziato la campagna della terza dose di vaccino”, ha affermato Speranza. “La nostra aspettativa è di una crescita significativa durante la prossima settimana – ha aggiunto l’esponente dell’esecutivo -. Venerdì ci sono state anche 28.550 prime dosi: è un dato in crescita, anche su questo fronte c’è stato un incremento molto significativo ed importante”, ha concluso il ministro della Salute.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

TAGS