Dalla Commissione Ue sì agli aiuti di Stato all’Italia per la ricerca del vaccino di Reithera

Nell'ambito del quadro temporaneo l'Italia ha notificato alla Commissione una misura di aiuto del valore di 40 milioni di euro

vaccino europa

La Commissione europea ha approvato una misura italiana di aiuto di Stato per un importo di 40 milioni di euro da destinare alle attività di ricerca e sviluppo connesse al coronavirus dell’impresa biotecnologica ReiThera S.r.l. “Questa misura dell’Italia da 40 milioni di euro sosterrà la ricerca incentrata su un nuovo vaccino contro il coronavirus”, ha dichiarato la vice presidente della Commissione europea, Margrethe Vestager.



Nell’ambito del quadro temporaneo l’Italia ha notificato alla Commissione una misura di aiuto del valore di 40 milioni di euro a sostegno delle attività di ricerca e sviluppo connesse al coronavirus svolte da ReiThera S.r.l., un’impresa di medie dimensioni con sede in Lazio che opera nel settore delle biotecnologie. Il sostegno pubblico assumerà la forma di sovvenzioni dirette. Scopo della misura è promuovere lo sviluppo di un nuovo vaccino contro il coronavirus, contribuendo così alla ricerca di soluzioni per affrontare l’attuale crisi sanitaria. Il vaccino sperimentale ReiThera è già stato oggetto di studi preclinici e di uno studio clinico di fase I, che ne ha dimostrato la sicurezza per adulti e anziani. Ora la misura aiuterà a predisporre e attuare la prossima tappa, che consiste in uno studio di fase II e III per confermare che il vaccino è sicuro ed efficace.

La Commissione ha constatato che la misura di aiuto è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo: nello specifico coprirà meno del 60 per cento dei costi di ricerca e sviluppo e i risultati delle attività di ricerca saranno messi a disposizione di terzi nello Spazio economico europeo a condizioni di mercato non discriminatorie attraverso licenze non esclusive. La Commissione ha concluso che la misura dello Stato italiano è necessaria, opportuna e proporzionata per contrastare la crisi sanitaria.



Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram