Deutsche Telekom prepara partenariati nell’Ue per espandere la fibra ottica

In particolare, in Austria, Deutsche Telekom starebbe lavorando una joint venture con un partner in cui ciascuna delle parti investirebbe 150 milioni di euro

Deutsche Telekom

Il gruppo per le telecomunicazioni tedesco Deutsche Telekom starebbe preparando dei “partenariati con investitori in diversi Stati membri dell’Ue” al fine di condividere i costi per l’espansione della propria rete fibra ottica. È quanto il quotidiano “Handelsblatt” afferma di aver appreso da fonti della finanza e dell’azienda. In particolare, in Austria, Deutsche Telekom starebbe lavorando una joint venture con un partner in cui ciascuna delle parti investirebbe 150 milioni di euro per sviluppare la fibra ottica. Un’iniziativa analoga sarebbe prevista in Polonia. In questo modo, il gruppo modifica la propria strategia in maniera “fondamentale”. Finora, Deutsche Telekom aveva infatti controllato autonomamente la propria infrastruttura. Il motivo principale del cambiamento è l’elevato indebitamento dell’azienda, giunto al massimo storico di oltre 130 miliardi di euro. Allo stesso tempo, la società deve modernizzare la propria infrastruttura.



In Germania e in altri Paesi europei, Deutsche Telekom si affidava spesso alle vecchie reti in rame per la banda larga, ma queste offrono una velocità soltanto fino a 250 megabit al secondo. Oggi, la fibra ottica può già quadruplicare tale connessione e le nuove tecnologie del settore possono consentire velocità di trasmissione ancora più elevate. Il partenariato con investitori esterni è, quindi, un modo per far fronte all’espansione della fibra ottica senza che Deutsche Telekom debba sostenere da sola tutti i costi. Il modello è la joint venture “GlasfarerPlus”, che il gruppo ha concluso a settembre scorso con Ifm, fondo australiano per gli investimenti nelle infrastrutture, al fine di condividere i costi di espansione della fibra ottica per quattro milioni di famiglie in Germania.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram