Di Maio: “L’Italia non può permettersi di perdere Mario Draghi”

Il ministro degli Affari esteri: "Il premier continui a guidare una situazione così difficile"

Draghi-Di Maio

L’Italia non può permettersi di perdere Mario Draghi, è interesse del nostro Paese che Draghi continui a guidare una situazione così difficile. Lo ha dichiarato il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio, intervenendo alla “Festa dell’ottimismo 2021″, organizzata a Firenze dal quotidiano “Il Foglio”. “Nel 2022, al di là delle scelte sul Quirinale, dovremo affrontare a livello europeo il dibattito sui nuovi criteri del patto di stabilità. Oggi ci sono assi importantissimi tra Italia e Francia e fra Italia e Germania che ci permetteranno di avviare questo dibattito garantendo crescita sostenibile per uscire dalla crisi pandemica ed economica”, ha aggiunto Di Maio.



Se potesse votare alle elezioni presidenziali francesi, il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale Luigi Di Maio sceglierebbe il presidente uscente Emmanuel Macron, ha dichiarato Di Maio. “Non voglio interferire, ma ci mancherebbe altro”, ha risposto il titolare della Farnesina a una domanda in merito, ricordando il contributo di Parigi “all’importante risultato” del piano Next generation Eu. Di Maio ha parlato anche del Trattato del Quirinale firmato questa settimana a Roma, definendolo “una grande opportunità per Italia e Francia, ma anche per l’Europa”, in particolare per il dossier della gestione dei flussi migratori. L’Italia, ha ricordato il ministro, è il primo Paese per movimenti primari dei migranti, la Francia per movimenti secondari. “Lavoreremo insieme su questo tema, così come su quello del Patto di stabilità e crescita”, ha aggiunto Di Maio evidenziando in particolare la clausola del Trattato che prevede ogni tre mesi la partecipazione di un ministro italiano al Consiglio dei ministri francesi e viceversa.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS