Due nuovi casi di morte per trombosi dopo il vaccino AstraZeneca in Francia

E' quanto riferito dall'Agenzia nazionale francese per i prodotti medici

astraZeneca

Due persone sono morte in Francia, tra il 19 e il 25 marzo, per delle trombosi avvenute dopo aver ricevuto dosi del vaccino anti Covid-19 della casa farmaceutica AstraZeneca. E’ quanto riferito dall’Agenzia nazionale francese per i prodotti medici (Ansm). Stando ai nuovi dati diffusi, in quella settimana si sono verificati tre nuovi casi di trombosi dopo le somministrazioni di vaccini AstraZeneca, due dei quali hanno determinato un epilogo fatale per i pazienti. Dall’inizio della campagna di vaccinazioni con AstraZeneca, la Francia ha registrato 12 casi di trombosi, di cui quattro hanno portato a decessi. L’Agenzia nazionale per i medicinali non ha comunque riscontrato dei legami diretti tra le trombosi e l’uso del vaccino AstraZeneca.



La sottosegretaria all’Industria francese, Agnes Pannier-Runacher, ha affermato che a partire dal secondo semestre dell’anno la Francia potrebbe abbandonare il vaccino di AstraZeneca contro il coronavirus. Parlando ai microfoni dell’emittente Radio Classique, la sottosegretaria ha detto che “di AstraZeneca ne avremo bisogno fino alla fine del primo semestre probabilmente perché è un sostegno importante” alla campagna vaccinale, “ed è in più un vaccino che ha un merito: la sua catena del freddo è relativamente semplice”. “A partire dal secondo semestre le consegne diventeranno piuttosto ingenti in Europa ed effettivamente non è impossibile pensare che non avremo bisogno di questo ricorso ad Astrazeneca”, ha aggiunto Pannier-Runacher.