Ecco tutte le misure contenute nel decreto Lavoro

Per quanto concerne Alitalia, è prevista l'istituzione di un fondo da 100 milioni di euro per il rimborso dei biglietti

governo legge di bilancio

Tra le principali norme contenute nel decreto legge Lavoro, approvato dal Consiglio dei ministri odierno, “recante misure urgenti in materia fiscale, di tutela del lavoro, dei consumatori e di sostegno alle imprese”, si segnalano la sospensione del programma “cashback” e “supercashback” nel secondo semestre del 2021, lo sblocco dei licenziamenti per l’industria manifatturiera ed edilizia con l’eccezione per il tessile ed i settori ad esso collegati, il differimento dell’invio delle cartelle esattoriali, l’istituzione di un fondo per contenere l’aumento delle tariffe dell’energia elettrica e la semplificazione della “Nuova Sabatini” per l’acquisto di beni strumentali delle Piccole e medie imprese (Pmi). E’ quanto comunicano fonti di palazzo Chigi. Per quanto concerne Alitalia, è prevista l’istituzione di un fondo da 100 milioni di euro per il rimborso dei biglietti. Entrando nel merito delle misure, da domani 1 luglio ci sarà lo sblocco dei licenziamenti per l’industria manifatturiera ed edilizia con l’eccezione per il tessile e i settori ad esso collegati (calzaturiero, moda). Per questi ultimi settori è prevista un’ulteriore proroga fino al 31 ottobre del divieto di licenziare e l’erogazione di ulteriori settimane di cassa Covid, gratuita. Vengono inoltre assicurate ulteriori 13 settimane, fino al 31 dicembre 2021, di Cassa straordinaria per tutte le imprese che non hanno più a disposizione strumenti di integrazione salariale, senza contributi a carico del datore di lavoro. Le aziende si impegnano a utilizzare queste misure, a seguito anche dell’accordo politico raggiunto ieri tra governo e parti sociali.



Per garantire, poi, la continuità operativa di Alitalia – aggiungono le stesse fonti – è prevista la proroga fino al 16 dicembre del termine di restituzione del prestito ponte. Questa misura non comporta oneri a carico della finanza pubblica, trattandosi di un mero rinvio. Nelle more della decisione della commissione europea, Alitalia-società italiana aerea spa e Alitalia Cityline spa sono autorizzate alla prosecuzione delle attività d’impresa, compresa la vendita di biglietti per voli programmati. E’ istituito un fondo, con una dotazione di 100 milioni di euro per l’anno 2021, diretto a garantire l’indennizzo dei titolari di titoli di viaggio e voucher emessi dall’amministrazione straordinaria in conseguenza delle misure di contenimento previste per l’emergenza epidemiologica da Covid-19 e non utilizzati alla data del trasferimento dei compendi aziendali. L’indennizzo è erogato esclusivamente nell’ipotesi in cui non sia garantito al contraente analogo servizio di trasporto, ed è quantificato in misura pari all’importo del titolo di viaggio.

Ed ancora, viene esteso per altri due mesi, fino al 31 agosto, il blocco dell’invio delle cartelle esattoriali, mentre sul versante delle tariffe elettriche, per attutire sensibilmente l’impatto derivante dall’aumento dei prezzi delle materie prime, il governo interviene con un fondo di oltre 1 miliardo di euro. Via libera, infine, alla semplificazione e rifinanziamento della misura “Nuova Sabatini” per un importo pari a 300 milioni per l’anno 2021 ai quali si aggiungono ulteriori 300 nel provvedimento oggi approvato in Cdm, finalizzata al sostegno di investimenti produttivi delle piccole e medie imprese per acquisto beni strumentali.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram