Etiopia: rilasciato il cooperante italiano Alberto Livoni

Era in stato di fermo dallo scorso 6 novembre insieme ad altri due dipendenti della stessa Ong

È stato rilasciato in Etiopia il cooperante italiano Alberto Livoni, rappresenta Paese dell’organizzazione non governativa Volontari per lo sviluppo internazionale (Vis). A darne notizia è la stessa Ong in un comunicato. “Finalmente siamo lieti di comunicare il rilascio del nostro collega Alberto Livoni, trattenuto in stato di fermo in Etiopia negli scorsi giorni. L’operazione condotta dall’ambasciata italiana in Etiopia, a cui va il nostro ringraziamento per l’instancabile impegno, ha portato oggi a rilasciare l’operatore Vis italiano in buone condizioni”, si legge nella nota. “Restiamo in apprensione per i due operatori Vis locali ancora trattenuti in stato di fermo, continuiamo a seguire la loro situazione auspicando anche per loro l’immediato rilascio”, conclude il comunicato.



Livoni in stato di fermo per più di una settimana

Livoni era in stato di fermo dallo scorso 6 novembre insieme ad altri due dipendenti dello staff locale del Vis. Il cooperante si trova ad Addis Abeba dal marzo scorso insieme ad altri due volontari del Vis. Gli arresti rientrano nell’ambito della retata effettuata negli ultimi giorni dalle autorità federali contro esponenti tigrini per stanare sospetti complici del Fronte di liberazione del popolo del Tigrè (Tplf), in guerra con le forze federali. Il tutto dopo che lo scorso 3 novembre il governo ha imposto lo stato di emergenza in risposta all’avanzata sulla capitale delle forze del Tplf e dell’Esercito di liberazione oromo (Ola).

Leggi anche altre notizie su Nova News



Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram