Fisco: raggiunta l’intesa politica sull’Irpef,
le aliquote diventano quattro

Sette miliardi per il taglio dell'Irpef, un miliardo circa per la riduzione dell'Irap

Franco - Draghi

Sette miliardi al taglio dell’Irpef e un miliardo circa per la riduzione dell’Irap. Sarebbe questa, a quanto si apprende, l’intesa di massima raggiunta per la ripartizione degli otto miliardi previsti dalla legge di Bilancio per la riduzione del carico fiscale. Nel corso del tavolo sul fisco al ministero dell’Economia e delle Finanze, secondo quanto riferito dal viceministro allo Sviluppo economico, Gilberto Pichetto, sarebbe stata trovata un’intesa politica per ridurre da cinque a quattro le aliquote Irpef, con l’eliminazione di quella al 41 per cento. I tagli dell’Irpef e dell’Irap dovrebbero partire già dal 2022 ed essere strutturali. In particolare, c’è l’accordo politico ad agire sulle aliquote Irpef. Per quanto riguarda la revisione delle aliquote, nello specifico, passano da cinque a quattro con il taglio dell’aliquota del 27 per cento al 25 per cento (quella che va da 15 mila a 28 mila euro). Mentre c’è la riduzione al 35 per cento, dal 38 per cento, per i redditi da 28 mila ai 50 mila. Oltre, dovrebbe restare tutto invariato.



Gli interventi “avranno una valenza strutturale, non misure spot, e soprattutto saranno percettibili. Due tra le cose principali che chiedevamo”, ha spiegato la viceministra all’Economia e le Finanze, Laura Castelli, al termine del tavolo al Mef. “Si agirà sulle aliquote Irpef del ceto medio, ed in modo strutturale anche sull’Irap. Nei prossimi giorni ci saranno alcuni aggiustamenti di dettaglio ma l’aspetto importante è che si è trovato un equilibrio tra forze politiche, perfettamente in linea con l’indirizzo Parlamentare. Il lavoro è stato molto positivo”, ha aggiunto. Positivo anche il senatore Alberto Bagnai, responsabile economia della Lega, secondo cui il dialogo fra i partiti sulla riduzione delle imposte “procede con passi avanti significativi. Le soluzioni verso cui si sta convergendo valorizzano tre richieste della Lega: l’abolizione dell’Irap per autonomi e professionisti, la riduzione dell’Irpef per tutte le categorie di contribuenti, senza escludere i lavoratori autonomi, e una semplificazione significativa del sistema fiscale. Quest’ultima – ha spiegato – si ottiene in particolare riducendo il numero delle aliquote da cinque a quattro, razionalizzando il sistema delle detrazioni e eliminando per le persone fisiche la necessità di compilare il quadro Irap della dichiarazione. Continuiamo a lavorare con l’aiuto dei tecnici del Mef fiduciosi di poter perfezionare un accordo di maggioranza all’inizio della settimana prossima”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS