Franco: “L’Italia chiuderà il 2021 con una crescita superiore al 6,1 per cento”

Il ministro dell'Economia: "Abbiamo una area dell'euro che cresce fortemente quest'anno"

Franco - Draghi

L’Italia chiuderà il 2021 con una crescita superiore al 6,1 per cento. Lo ha detto il ministro all’Economia, Daniele Franco, dopo la due giorni di Eurogruppo ed Ecofin a Bruxelles. “Abbiamo una area dell’euro che cresce fortemente quest’anno, circa del 5 per cento. Il secondo e terzo trimestre sono andati bene nell’area euro, sul quarto vi è l’attesa di un rallentamento, l’anno prossimo la crescita nell’area dell’euro resterà sopra il 4 per cento”, ha detto il ministro. “Il punto importante è che l’area euro ha recuperato i livelli di Pil pre crisi. Non ha invece recuperato i livelli pre crisi per quanto riguarda il mercato del lavoro” per cui bisognerà “attendere i prossimi trimestri”, ha spiegato Franco. “Nell’area euro l’inflazione è salita molto a ottobre, circa del 4,1 per cento nell’area euro a ottobre”, ha aggiunto.



Per quanto riguarda l’Italia, “abbiamo avuto anche noi un secondo e un terzo trimestre molto favorevoli, forse anche un po’ più favorevoli delle attese che tutti avevamo: abbiamo fatto 2,7 per cento nel secondo trimestre e 2,6 per cento nel terzo. La crescita a fine di settembre era del 6,1 per cento. Vi ricordo che nel Def ad aprile avevamo indicato 4,5 per cento e nella nota di aggiornamento a fine settembre 6,0 per cento, quindi siamo stati smentiti da dati superiori”, ha evidenziato Franco. “L’ultimo trimestre sarà meno forte rispetto ai trimestri precedenti, come negli altri Paesi. Questo vuol dire che chiuderemo l’anno un po’ sopra il 6,1 per cento che è già acquisito. Vedremo quanto sopra”, ha specificato. “L’inflazione in Italia ad ottobre è stata del 3,1 per cento”, quindi un punto inferiore a quella dell’area euro.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS