G7: il rilancio del multilateralismo per sfidare pandemia e cambiamento climatico

Si è aperto oggi in Cornovaglia il primo summit dall'inizio della pandemia di Covid-19

g7

Si è aperto oggi a Carbis Bay, in Cornovaglia, il primo summit del G7 dall’inizio della pandemia del Covid-19. Il primo ministro britannico Boris Johnson – in qualità di capo di governo del Paese organizzatore del summit -, dopo l’incontro bilaterale di ieri pomeriggio con il presidente statunitense Joe Biden, ha accolto oggi i leader dell’Ue e degli altri Paesi partecipanti al vertice. “Il multilateralismo è tornato al G7”, ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, diffondendo una foto dell’incontro di coordinamento appena prima del vertice avuto con la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, il presidente del Consiglio Mario Draghi, la cancelliere tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron. “L’Unione europea vuole assicurarsi che il mondo venga vaccinato il prima possibile”, ha aggiunto Michel, secondo cui “solo insieme possiamo farlo, mantenendo i nostri valori”. Secondo quanto riferito dall’Eliseo, nel corso dei colloquio tra i leader europei prima dell’inizio del summit è stato evocata la relazione con la Cina, che è “un rivale sistemico, un partner sulle sfide globali e un concorrente”. Parigi ha sottolineato che “gli europei vogliono continuare la messa in atto di questa strategia comune e avranno l’occasione di parlarne” con il presidente degli Stati Uniti Biden durante il G7. Al centro dei colloqui tra i partner europei anche l’accesso universale ai vaccini contro il coronavirus, nei confronti del quale l’Unione europea “è l’attore più impegnato sulla scena internazionale dall’inizio della pandemia”, ha spiegato l’Eliseo. “L’obiettivo della Francia – ha continuato la presidenza di Parigi – è continuare questi sforzi mobilitando tutte le opzioni disponibili: rafforzamento dell’iniziativa Act-A, donazioni di dosi in natura e mobilitazione dei laboratori farmaceutici. A tal proposito, i contributi di ognuno dovranno essere misurati in termini di finanziamento e doni di dosi”. “Questo sforzo di solidarietà deve permettere di raggiungere l’obiettivo di vaccinare il 60 per cento della popolazione dei Paesi del sud entro marzo 2022, soprattutto sul continente africano”, ha aggiunto la presidenza francese.

G7: Johnson accoglie i partecipanti

Johnson ha aperto i lavori del del G7 ringraziando i partecipanti per essere convenuti e rimarcando l’eccezionalità dell’evento dopo un anno e mezzo di restrizioni e lockdown. Johnson ha sottolineato come questo vertice sarà fondamentale per parlare di emergenza climatica, ma allo stesso modo di come affrontare le pandemie del futuro. Il primo ministro britannico ha poi parlato dell’importanza di ricostruire le economie in maniera migliore rispetto al passato, con l’obiettivo di evitare quanto accaduto dopo la crisi del 2008, in seguito a cui la ripresa “non è stata uguale a tutti i livelli della società”. Johnson ha poi rimarcato l’importanza di “battere la pandemia insieme”, prima di iniziare la prima assemblea primaria del summit, in assenza di telecamere. Johnson ha avuto inoltre un colloquio bilaterale con il presidente del Consiglio Draghi a margine del summit G7 in corso in Cornovaglia. I due leader hanno parlato delle esperienze dei rispettivi Paesi durante la pandemia, e hanno condiviso impressioni sui lavori in vista della presidenza italiana del G20, per assicurarsi che “il mondo sia meglio preparato a future crisi sanitarie”, ha affermato un portavoce di Downing Street. Durante l’incontro, durato circa mezz’ora, Johnson e Draghi hanno anche discusso dell’importanza di ricostruire le economie con un minore impatto dal punto di vista ambientale, insieme all’importanza per le economie più avanzate di rispettare l’impegno preso di investire 100 miliardi di dollari all’anno complessivamente in Paesi in via di sviluppo al fine di combattere l’emergenza climatica. I due leader hanno inoltre parlato di interessi comuni a livello di politica estera, tra cui dell’importanza di supportare un durevole cessate il fuoco in Libia, in modo che si possano gettare le basi per una transizione democratica pacifica di lungo periodo. Draghi inoltre ha intrattenuto una breve conversazione all’arrivo in Cornovaglia con il presidente francese Emmanuel Macron.

Rafforzamento dei rapporti Londra-Tokyo

Downing Street ha reso noti inoltre i risultati del bilaterale avvenuto tra il primo ministro britannico Boris Johnson e l’omologo giapponese Yoshihide Suga, subito prima dell’apertura ufficiale dei lavori del summit. Johnson ha espresso la volontà di “espandere la nostra relazione con il Giappone e con l’area indo-pacifica in materie di commercio, tecnologia, difesa e politica estera in generale”, questo secondo un comunicato diffuso dalla stessa Downing Street. Johnson e Suga avrebbero inoltre parlato della domanda britannica di partecipazione al Cptpp, l’accordo transpacifico di cui il Giappone fa già parte, ringraziando il primo ministro giapponese per l’appoggio che questi avrebbe dato per l’accoglimento della domanda britannica e auspicando che questo, insieme all’accordo di libero scambio siglato col Giappone a inizio anno, possa favorire il commercio tra i due Paesi. Johnson inoltre avrebbe “espresso il proprio sostegno” per il regolare svolgimento delle Olimpiadi di Tokyo 2020, posticipare a quest’anno a causa della pandemia ancora in corso e messe in dubbio da alcuni a causa del recente aumento dei casi di Covid 19 in Giappone.

La prima sessione di lavoro del summit, iniziata oggi pomeriggio, è incentrata su tre temi: le politiche nazionali verso una ripresa più verde e digitale; il ruolo del G7 nel sostegno alla ripresa dell’economia globale; le politiche volte a far progredire l’uguaglianza di genere. I lavori della giornata di domani si apriranno con la secondo sessione, sulle principali tendenze geostrategiche a livello globale, incluse le sfide della resilienza economica e focus sul partenariato del G7 con i Paesi in via di sviluppo. A seguire, la terza sessione, che si focalizzerà su alcuni temi di politica estera e di sicurezza, tra questi Russia e Afghanistan. Sempre sabato la quarta sessione dedicata ai temi della salute, in particolare alle più immediate sfide sanitarie e al rafforzamento dei sistemi di salute globale. Nel tardo pomeriggio di sabato Draghi dovrebbe avere un incontro bilaterale con il presidente Usa Biden. L’ultima giornata del G7 in Cornovaglia, domenica, vedrà lo svolgimento della quinta e sesta sessione di lavoro, dedicate rispettivamente al tema delle “società ed economie aperte”, alla lotta ai cambiamenti climatici e alla protezione della natura, cui parteciperanno anche i vertici di Banca mondiale, Fmi, Ocse e Onu.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram