Germania: processo contro un ex ufficiale dell’esercito accusato di terrorismo

Franco Albrecht era assegnato al 291mo battaglione cacciatori

germania

Si apre oggi in Germania, presso il tribunale statale superiore di Francoforte sul Meno, il processo a carico di Franco Albrecht, tenente dell’esercito tedesco radiato dopo essere stato arrestato nel 2017 con l’accusa di terrorismo. Nato da padre italiano nel 1989, Albrecht, estremista di destra, era assegnato al 291mo battaglione cacciatori dell’esercito tedesco.



Si tratta di un reparto inquadrato nella Brigata franco-tedesca, che ha sede a Illkirch in Francia. Mentre era in servizio, l’ufficiale pianificò con alcuni complici, militari e civili una serie di attentati contro politici e istituzioni tedeschi. In particolare, avrebbero dovuto essere colpiti l’esponente dei Verdi Claudia Roth, vicepresidente del Bundestag, Joachim Gauck, presidente della Repubblica dal 2012 al 2017, e Heiko Maas, allora ministro della Giustizia e oggi titolare degli Esteri.

L’obiettivo era creare il caos in Germania incitando l’odio razziale contro i rifugiati per poi attuare un colpo di Stato. A tal fine, Albrecht si era spacciato come profugo cristiano dalla Siria con il nome di David Benjamin, vedendo la propria richiesta di asilo accolta dalle autorità tedesche nel 2015. In tal modo, nei piani dell’ufficiale, la responsabilità degli attentati sarebbe ricaduta sui rifugiati, provocando disordini di matrice etnica come premessa per il golpe. Il progetto venne sventato con l’arresto di Albrecht presso l’aeroporto di Vienna il 3 febbraio 2017.



Le perquisizioni a carico dell’estremista di destra portarono a individuare quattro armi da fuoco, oltre mille cartucce e più di 50 ordigni esplosivi. Albrecht è stato successivamente rilasciato a piede libero.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram