Giappone: dopo anni di controversie la principessa Mako ha sposato il fidanzato borghese

La 29enne ha rinunciato al rito tradizionale per convolare a nozze con Kei Komuro

mako

La principessa Mako ha sposato dopo anni di controversie il fidanzato Kei Komuro, un borghese. Lo ha annunciato l’Agenzia della casa imperiale. La 29enne Mako ha deciso di rinunciare ai riti di matrimonio tradizionali e di limitarsi ad espletare la pratiche di matrimonio civile; il matrimonio era stato rinviato per anni a causa di una disputa finanziaria che ha coinvolto la madre di Komuro. I novelli sposi, entrambi 30enni, hanno deciso di non tenere alcuna conferenza stampa, e di limitarsi invece a dichiarazioni scritte. Mako ha deciso inoltre di rifiutare un contributo finanziario una-tantum da parte dell’Agenzia della Casa imperiale, e la coppia si trasferirà negli Stati Uniti dopo il matrimonio. Komuro e Mako si sono conosciuti nel 2012, come studenti dell’Università cristiana internazionale di Tokyo. Komuro ha lavorato presso uno studio legale a Tokyo, e lo scorso luglio ha ottenuto l’abilitazione professionale nello Stato di New York, dopo aver ottenuto una laurea in legge presso la Fordham University.



Il governo del Giappone ha studiato un piano che prevede di non privare dello status reale le principesse della famiglia imperiale che sposano comuni cittadini. Lo riferiscono fonti a conoscenza della questione citate dall’agenzia di stampa “Kyodo”, secondo cui il piano è una delle ipotesi allo studio del governo per preservare la famiglia imperiale giapponese. Le regole attualmente in vigore prevedono che le principesse che sposano cittadini comuni rinuncino allo status imperiale; tale regolamento ha però progressivamente ridimensionato la famiglia imperiale, che scarseggia anche di eredi maschi al trono. Il tema dell’assottigliamento della famiglia imperiale si è reimposto in vista del matrimonio della principessa Mako, nipote 29 enne dell’imperatore Naruhito.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram