Giappone: il nuovo ministro degli Esteri promette la difesa della stabilità regionale

Yoshimasa Hayashi ha promesso la pace a fronte delle rivendicazioni territoriali della Cina

Yoshimasa Hayashi - Giappone

Il nuovo ministro degli Esteri del Giappone, Yoshimasa Hayashi, ha promesso di tutelare la pace e la stabilità del Giappone, dei Paesi alleati e della regione a fronte delle rivendicazioni territoriali della Cina. “Stiamo assistendo a sfide più gravi ai valori universali che sono la pace e la stabilità della comunità e dell’ordine internazionali”, ha dichiarato Hayashi nel corso della sua prima conferenza stampa da ministro degli Esteri, dopo l’insediamento del nuovo governo giapponese nella giornata di ieri, 10 novembre. Il 60enne Hayashi ha già servito in passato come ministro della Difesa, dell’Agricoltura, dell’Istruzione e dell’Economia.



La nomina di Hayashi è conseguenza di un inatteso rimpasto dell’Esecutivo assemblato soltanto il mese scorso dal primo ministro Fumio Kishida, a seguito delle dimissioni del segretario generale del Partito liberaldemocratico (Pld), Akira Amari: quest’ultimo ha mancato la rielezione nel seggio a lui riservato alle elezioni generali del 31 ottobre. L’ex ministro degli Esteri, Toshimitsu Motegi, lo ha sostituito nella veste di segretario generale del Pld. Hayashi, ex membro della Camera alta della Dieta, laureato alla Scuola di governo dell’Università di Harvard, è membro di una corrente del Pld guidata da Kishida, e alle ultime elezioni è stato eletto deputato della Camera bassa in un distretto della prefettura di Yamaguchi. Il politico 60enne è stato ministro della Difesa durante il governo di Yasuo Fukuda nel 2008, incarico che ha retto per pochi mesi a causa delle dimissioni del premier; l’ex ministro ha anche assunto incarichi nei ministeri di Istruzione e Agricoltura durante i governi dell‘ex premier Shinzo Abe.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS