Gli Usa hanno deciso di imporre dazi sui prodotti di cinque Paesi, c’è anche l’Italia

E' però previsto un periodo di sospensione di sei mesi

biden

Gli Stati Uniti hanno deciso di imporre dazi sui prodotti di cinque Paesi, tra i quali l’Italia, in risposta alle tasse imposte da questi ultimi sulle compagnie tecnologiche Usa, ma con un periodo di sospensione di sei mesi che servirà a trovare una soluzione a livello internazionale. Lo ha annunciato la rappresentante per il Commercio Katherine Tai, secondo cui le indagini condotte dall’amministrazione indicano che i dazi sono giustificati dalle tasse sui servizi digitali imposte da Regno Unito, Austria, India, Italia, Spagna e Turchia. Tuttavia, la misura verrà sospesa nella ricerca di una “soluzione multilaterale a una serie di questioni chiave legate alla tassazione internazionale”.



Il riferimento è alle trattative in corso in sede di G7 e di G20 (di cui l’Italia è presidente di turno) per l’imposizione di una tassa minima globale per le multinazionali su proposta della stessa amministrazione del presidente Usa Joe Biden. Secondo gli Stati Uniti, le web tax adottate dall’Italia e dagli altri Paesi sono discriminatorie nei confronti dei giganti del digitale come Google, Facebook, Apple e Amazon.

 



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram