Gli Usa valutano il boicottaggio delle Olimpiadi di Pechino

Gli Stati Uniti stanno valutando insieme agli alleati di boicottare le Olimpiadi invernali

usa

Gli Stati Uniti stanno valutando insieme agli alleati di boicottare le Olimpiadi invernali in programma per il 2022 in Cina. Lo ha detto il portavoce del dipartimento di Stato Usa, Ned Price, precisando che Libreriaun “approccio coordinato non sarebbe solo nel nostro interesse ma anche nell’interesse dei nostri alleati e partner”. Diversi esponenti politici Usa hanno chiesto all’amministrazione del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, di procedere al boicottaggio della manifestazione sportiva in risposta alla politica repressiva attuata da Pechino nella regione dello Xingjiang a danno della minoranza islamica degli uiguri.

Il 6 marzo scorso, l’ex segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, ha invitato la nuova amministrazione a non legittimare le Olimpiadi in risposta alle “malevole” attività della Cina. “Spero che i nostri atleti abbiano la chance di partecipare alle Olimpiadi. Lo meritano. Ma, in fin dei conti, non possiamo permettere che gli atleti statunitensi volino a Pechino e premino il Partito comunista cinese mentre questo è impegnato in attività malevole”, ha dichiarato Pompeo alla trasmissione radiofonica del conservatore Hugh Hewitt.

“Le Olimpiadi – ha proseguito l’ex capo della diplomazia Usa – sono un’espressione di libertà e di talento sportivo. Organizzarle a Pechino è del tutto inappropriato”. Già diversi esponenti repubblicani avevano suggerito nelle ultime settimane il boicottaggio dei Giochi in Cina: tra questi l’ex ambasciatrice alle Nazioni Unite Nikki Haley, considerata – al pari di Pompeo – un possibile candidato alla Casa Bianca per le elezioni del 2024.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram