Grecia-Nord Macedonia: il Parlamento di Atene potrebbe rinviare la ratifica dei tre memorandum

Una scelta che si inserisce nel quadro delle nuove tensioni tra i due governi

Atene-parlamento

Il Parlamento di Atene potrebbe rinviare la prevista ratifica a luglio dei tre memorandum di cooperazione firmati dalla Grecia con la Macedonia del Nord sino almeno a settembre. Una scelta che si inserisce nel quadro delle nuove tensioni tra i due governi dopo il recente discusso tweet del premier macedone Zoran Zaev, in cui il capo di governo ha fatto riferimento alla squadra nazionale di calcio del Paese, che sta partecipando ad Euro 2020, chiamandola “Macedonia”. Secondo il quotidiano di Atene “Kathimerini”, il memorandum di cooperazione è stato rinviato in modo che il premier macedone “capisca di avere alcuni obblighi che non può ignorare”. Ieri la portavoce del governo greco, Aristotelia Peloni, ha detto che Zaev “deve rispettare l’accordo di Prespa sul nome in tutti i contesti, compresi gli eventi sportivi internazionali”. “Chiediamo la piena attuazione dell’accordo di Prespa e del suo spirito e chiediamo a Zaev di astenersi dalla retorica divisiva, soprattutto in una questione così delicata come il calcio”, ha affermato Peloni. “In ogni caso, l’attuazione in buona fede dell’accordo è uno dei criteri per l’adesione del Paese all’Unione europea”, ha osservato ancora la portavoce dell’esecutivo monocolore di Nuova democrazia (Nd) del premier Kyriakos Mitsotakis.



Nd ha sempre avuto una posizione critica sullo storico accordo di Prespa raggiunto nel 2018 dall’allora premier ellenico e attuale leader di Syriza, Alexis Tsipras, con lo stesso Zaev. Ciononostante, lo stesso Mitsotakis ha sempre detto che il suo governo avrebbe rispettato i termini dell’accordo, che ha aperto le porte dell’adesione di Skopje alla Nato e al processo di integrazione all’Unione europea. Assistendo alla partita di lunedì tra la Macedonia del Nord e i Paesi Bassi, Zaev ha twittato: “Oggi, dallo stadio di Amsterdam, offro il mio forte sostegno alla nazionale di calcio macedone”. L’accordo di Prespa, noto anche come accordo di Prespes (dal nome della località al confine tra Grecia, Macedonia del Nord e Albania) è un accordo raggiunto il 12 giugno 2018 tra i governi di Atene e Skopje, sotto l’egida delle Nazioni Unite, che risolve una disputa di lunga data sul nome del Paese macedone, che da allora si chiama ufficialmente Macedonia del Nord.

 



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram