Green pass: al via i controlli a Roma su metro e bus, verifiche anche in locali e palestre

Le prime multe per la mancanza di green pass sui mezzi pubblici a Roma sono scattate questa mattina a piazzale Flaminio

Partono anche a Roma i controlli su metropolitane, autobus e treni per la verifica del green pass. Le verifiche, nell’ambito del cosiddetto super green pass, riguarderanno anche locali, bar, ristoranti, cinema, teatri e palestre dove l’accesso da oggi è consentito esclusivamente con certificazione verde che attesti il vaccino o la guarigione dal Covid. La Capitale si è organizzata con controlli giornalieri dalle 5 del mattino alle 20 in una settantina di stazioni e fermate della metro ritenute più sensibili: dai capolinea Anagnina e Battistini della linea A, a quelli di Laurentina e Rebibbia e Ponte Mammolo. Sono circa 250 i controllori messi in campo da Atac per l’occasione e circa 2.500 gli operatori delle forze dell’ordine, tra carabinieri, poliziotti e finanzieri, coordinati dalla Questura di Roma. Le multe per i trasgressori vanno da 400 a mille euro, i gestori dei locali rischiano oltre alla sanzione anche la chiusura dell’esercizio fino a dieci giorni. Sono esentati dall’obbligo del cosidetto super green pass i minori di 12 anni.



Le prime multe per la mancanza di green pass sui mezzi pubblici a Roma sono scattate questa mattina a piazzale Flaminio. Ad aggiudicarsi il primato è stato un 50enne romeno appena sceso dall’autobus. L’uomo è finito nei controlli della polizia locale di Roma capitale, la sanzione è di 400 euro. “Di controlli ne abbiamo fatti tantissimi – dice ad agenzia Nova una gente della municipale. La stragrande maggioranza, però, è in regola con il green pass”. I controlli si concentrano nei principali capolinea, quindi, oltre a piazzale Flaminio, Termini, Tiburtina, Anagnina. “Impossible controllare tutti – dice un altro agente- ma cerchiamo di controllare più gente possibile”. Le multe però sarebbero diverse “non solo per il green pass, ma anche per le mascherine. Molti pensano che l’obbligo della mascherina valga solo per il tridente, ma non è così”.  Tutto sommato però, “la gente accoglie senza problemi i controlli, ed anche le multe quando siamo costretti a farle”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS