Gualtieri presenta le linee di governo: “Roma guiderà la rinascita del Paese”

Il sindaco: "Saremo sempre coerenti con l'indirizzo strategico del mandato"

gualtieri amministrative roma

Roma guiderà una nuova fase di rilancio per il Paese. Lo ha promesso il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, oggi chiamato a illustrare all’Assemblea capitolina le linee programmatiche di governo della città per i prossimi cinque anni. Un intervento lungo un’ora che si è aperto con la rassicurazione da parte del sindaco di realizzare quanto detto in campagna elettorale, ma allo stesso tempo di mettere in atto un metodo di ascolto nei confronti di tutti i gruppi consiliari. “Saremo sempre coerenti con l’indirizzo strategico del mandato su cui ci siamo impegnati ma saremo aperti agli apporti e alle iniziative che vengono dal consiglio, auspichiamo il dialogo con tutti i gruppi consiliari: dialogo e ascolto appaiono importanti se si tiene conto della portata dei problemi della città”, ha detto Gualtieri.



Inevitabile un passaggio approfondito sui due temi di amministrazione ordinaria maggiormente sentiti dalla cittadinanza: rifiuti e trasporti. Sulla raccolta dell’immondizia, che è parte del piano di pulizia straordinaria della città avviato il primo novembre, Gualtieri ha ammesso che “la raccolta ordinaria ha subito uno dei rallentamenti ciclici a cui siamo abituati a causa dell’esiguità degli sbocchi attuali. Il guasto del Tmb Saf di Frosinone che tratta 200 tonnellate al giorno di rifiuti della Capitale, e i problemi di stabilizzazione del rifiuto manifestati da tre diversi impianti privati che hanno ridotto gli sbocchi di ulteriori 230 tonnellate, hanno immediatamente costretto Ama a un rallentamento della raccolta” ma “l’amministrazione si è messa immediatamente al lavoro per individuare sbocchi alternativi, che fortunatamente sono stati trovati”. Così “già da lunedì contiamo nella piena ripresa della raccolta ordinaria, che crediamo dia i primi risultati visibili entro pochi giorni”. A margine dei lavori dell’Aula Giulio Cesare anche l’assessora all’Ambiente e ai rifiuti, Sabrina Alfonsi, ha assicurato che la città sarà più pulita entro natale. “Se Roma sarà più pulita entro natale? Assolutamente sì. Oggi non si vedono i frutti del piano straordinario a causa di uno dei suoi tronconi, la raccolta dei sacchetti, ma sta andando avanti per tutto il resto”,ha detto.

Altro focus è stato dedicato ai trasporti e alla mobilità. “Attraverso un positivo lavoro con il Mims sono state sbloccate le convenzioni su Funivia Magliana, tram Termini Giardinetti Tor Vergata, tram Togliatti e tram Tiburtina che insieme ad almeno la prima tratta della Tva, Termini-Vaticano-Aurelio, saranno tutte realizzate entro il Giubileo”, ha spiegato il sindaco. Oggi, tra l’altro, la giunta capitolina ha licenziato il Piano urbano della mobilità sostenibile elaborato nel corso della consiliatura precedente. “Il Pums, approvato dalla giunta capitolina, è un testo che condividiamo ma crediamo che ci siano alcuni punti su cui possono essere inseriti dei miglioramenti in accordo con il consiglio, ma è necessario approvarlo per accedere a finanziamenti destinati alla Mobilità”, ha chiarito Gualtieri.



Spazio durante la presentazione a tutte le deleghe, con una particolare attenzione alle politiche sociali e del lavoro. Quaranta mila euro saranno trasferiti dal Campidoglio a ciascun Municipio per rafforzare i servizi di accoglienza destinati ai senza fissa dimora, mentre il Campidoglio attraverso l’assessora competente, Claudia Pratelli, siederà al tavolo per la sicurezza sui luoghi di lavoro per favorire il contrasto alle morti bianche. Sul fronte internazionale Gualtieri ha confermato all’Assemblea capitolina che Roma si candiderà per ospitare la sede dell’Agenzia europea per l’antiriciclaggio e che istituirà un comitato scientifico il cui presidente onorario sarà il premio nobel per la fisica Giorgio Parisi.

Polemica da parte delle opposizioni che hanno additato le linee programmatiche presentate come un vaghe e generiche. “Gli obiettivi sono vaghi, slogan, non si precisa né in quanto tempo né con quali risorse verranno raggiunti”, per Carlo Calenda di Azione. “Di fatto nelle linee programmatiche non c’è nulla di nuovo, si portano avanti degli slogan e non si capisce in quale direzione si voglia lavorare. Sui punti più importanti ha citato tante attività affrontate dall’amministrazione precedente, come tutte le infrastrutture e le opere”, per Linda Meleo del M5s. “Sono condivisibili perché piene di buone intenzioni però manca il come realizzarle. Sembra un programma elettorale mentre ci aspettavamo un programma di governo”, secondo Simonetta Matone della Lega. “Sindaco, la misureremo sul metodo di lavoro e sul grado di confronto con l’Assemblea capitolina e la città”, ha detto Giovanni Quarzo di Fd’I.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram