Hong Kong, Nathan Law: “Pechino sta trasformando i legislatori in passacarte”

Lo ha dichiarato ad "Agenzia Nova" l'attivista di Hong Kong dopo un flash mob fuori all'ambasciata cinese a Roma

Law - Hong Kong

La Cina sta facendo di tutto per distruggere i valori democratici e garantirsi di pieno controllo di Hong Kong, trasformando il parlamento locale in una sorta di “camera di passacarte”. Lo ha dichiarato ad “Agenzia Nova” l’attivista di Hong Kong Nathan Law, al termine di un flash mob di protesta organizzato oggi davanti alla sede dell‘ambasciata della Repubblica popolare cinese a Roma. Secondo il giovane oppositore, Hong Kong e i Paesi democratici devono “restare uniti” e continuare l’opera di informazione. “Hong Kong deve rafforzare il multilateralismo e trovare nuove soluzioni politiche”, ha proseguito, invitando la comunità internazionale a rendersi conto della “crisi in corso”. Esprimendosi sulle future elezioni nella Regione amministrativa speciale, che il prossimo marzo decreteranno il nuovo capo dell’amministrazione locale, Law ha previsto che “non ci sarà una significativa partecipazione del campo democratico”, dal momento che “tutti i candidati in pro-democrazia sono stati estromessi”. Il parlamento di Hong Kong, ha precisato, “sarà una sorta di camera passacarte esattamente come quello di Pechino”. La manifestazione di protesta ha visto la partecipazione di attivisti di Hong Kong esiliati all’estero e dei parlamentari appartenenti all’Alleanza interparlamentare sulla Cina (Ipac), i quali hanno esposto davanti alla sede diplomatica una replica ufficiale del Pilastro della Vergogna, che commemora il massacro avvenuto a Piazza Tienanmen nel giugno 1989. Il memoriale originale, che ha sede presso l’università di Hong Kong, è attualmente al vaglio di rimozione da parte del governo di Pechino.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS