I sacerdoti benedicono coppie omosessuali nonostante il divieto del Vaticano

È quanto riferisce il quotidiano “Frankfurter Allgemeine Zeitung”

I sacerdoti tedeschi benedicono le coppie omosessuali nonostante il divieto del Vaticano. È quanto riferisce il quotidiano “Frankfurter Allgemeine Zeitung”, che definisce “senza precedenti” l’iniziativa del clero cattolico di Germania. In particolare, tra il 9 e il 10 maggio, sono state pianificate nel Paese 110 benedizioni di coppie omosessuali come parte della campagna “L’amore vince”. Per i sacerdoti che prendono parte all’iniziativa, i servizi del culto dovrebbero essere un segno visibile di una Chiesa che “non si allontana dalle persone, ma è in cerca di amorevole attenzione per quanti, nella fedeltà e nell’amore, offrono testimonianza dell’amore che Dio ha rivelato alle persone”.



A marzo scorso, la Congregazione per la dottrina della Fede ha riaffermato il divieto di benedire le coppie dello stesso sesso. Per quello che in passato era il Sant’Uffizio, tale atto è contrario alla volontà divina. La decisione aveva portato a una violenta opposizione da parte del clero di Germania. Lo stesso presidente della Conferenza episcopale tedesca (Dbk), Georg Baetzing, aveva duramente criticato la posizione del Vaticano, pur prendendo le distanze dalla benedizione delle coppie omosessuali.

In particolare, per Baetzing che è vescovo di Limburgo, “azioni pubbliche come quelle programmate per il 10 maggio” non costituiscono “un segno utile e un ulteriore percorso”. Il presidente del Dbk ha aggiunto che queste iniziative “non sono adatte come strumento come manifestazioni politiche nella Chiesa o azioni di protesta”. A sua volta, il presidente del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (Zdk), Thomas Sternberg, ha dichiarato: “Posso capire, ma non so se l’intimità della benedizione di Dio su una relazione d’amore sia adatta a un atto politicamente dimostrativo”.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram