Il Consiglio comunale di Milano riprende in modalità mista

Dopo sette mesi torna a popolarsi l'Aula di Palazzo Marino

Palazzo Marino

Dopo sette mesi torna a popolarsi l’Aula di Palazzo Marino, che accoglie oggi la prima seduta del Consiglio comunale di Milano in modalità mista, con 23 consiglieri e sette membri della giunta in presenza e 25 consiglieri collegati a distanza. L’ultima riunione in presenza pre-Covid è stata il 4 marzo 2020. A seguire oltre sei mesi di sedute telematiche, poi il ritorno a Palazzo Marino il 10 settembre, durato tuttavia poco più di un mese, perché con la seconda ondata pandemica, il 22 ottobre scorso, il Consiglio è tornato a riunirsi a distanza. “Questa è una seduta un po’ sperimentale. Ringrazio i tecnici che hanno lavorato per consentire in ritorno parziale in aula”, ha detto il presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolè, dando il via alla seduta di oggi. Il sindaco Giuseppe Sala non sta partecipando alla seduta, ma ha inviato un messaggio ai consiglieri, letto per lui dalla vicesindaco Anna Scavuzzo. “Oggi – il messaggio di Sala al Consiglio – è una giornata di speranza per la nostra città. Dopo sette mesi, Palazzo Marino, la casa di tutte le milanesi e di tutti i milanesi, torna a ospitare in presenza una parte dei suoi consiglieri. Un momento importante che simboleggia un graduale ritorno alla normalità, assicurato dal miglioramento della situazione sanitaria e dal progresso delle vaccinazioni”.



Il sindaco ha giustificato la sua assenza spiegando di essere impegnato a presiedere “un dialogo con John Kerry, inviato speciale sul clima del presidente degli Stati Uniti Biden”, nell’ambito della task force dei sindaci di C40, di cui Milano è capofila. “Questo pomeriggio gli dirò (a Kerry, ndr) che le città sono alleate fondamentali e che Milano sarà laboratorio della ripresa giusta e verde. Un obiettivo che sarà possibile raggiungere solo con l’impegno di tutti voi”, ha concluso Sala. “Noi a Milano non abbiamo più un sindaco, ma un candidato sindaco, che utilizza persino questo giorno per fini mediatici, scusandosi che oggi non c’è, quando sono mesi che è assente”, ha commentato nel suo intervento in Aula Manfredi Palmeri, capogruppo di Polo di Milano. “È un messaggio importante questo della riapertura, che fotografa un passaggio di fase”, ha osservato il capogruppo Pd Filippo Barberis, che replicando a Palmeri, ha parlato di una “gelosia, perché non ne vedo molti altri di candidati sindaci”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram