In Alaska colloqui “duri e diretti” tra le delegazioni di Usa e Cina

"Ci aspettavamo colloqui duri e diretti su una vasta gamma di questioni, ed è esattamente quello che è successo"

Usa

I colloqui tra le delegazioni diplomatiche di Stati Uniti e Cina ad Achorage, in Alaska, sono stati “duri e diretti”. In questi termini li ha definiti il consigliere per la Sicurezza nazionale, Jake Sullivan, che ha guidato la delegazione insieme al segretario di Stato, Antony Blinken. I due esponenti dell’amministrazione di Joe Biden hanno incontrato – nel primo round di colloqui da quando il democratico si è insediato alla Casa Bianca il 20 gennaio scorso – il ministro degli Esteri della Cina, Wang Yi, e Yang Jiechi, direttore dell’Ufficio della Commissione affari esteri del Comitato centrale del Partito comunista cinese (Pcc). “Ci aspettavamo colloqui duri e diretti su una vasta gamma di questioni, ed è esattamente quello che è successo”, ha spiegato Sullivan prima di lasciare l’incontro. “La nostra conversazione è stata molto franca”, ha commentato per parte sua il segretario di Stato Blinken. La delegazione cinese è invece partita senza rilasciare alcun commento.



“Sappiamo e sapevamo che ci sono una serie di aree in cui siamo fondamentalmente in disaccordo, comprese le azioni della Cina nello Xingjiang, i dossier legati a Hong Kong, Tibet, Taiwan, così come le azioni che (Pechino) sta intraprendendo nel cyberspazio“, ha aggiunto Blinken. “Non sorprende che quando abbiamo sollevato tali questioni in modo chiaro e diretto, abbiamo ottenuto una risposta sulla difensiva. Ma siamo stati anche in grado di avere una conversazione molto schietta su un vasto programma”, ha concluso il capo della diplomazia di Washington. “Sono molto orgoglioso del segretario di Stato”, ha detto il presidente Biden rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sull’andamento dei colloqui in Alaska. La “Cnn” sottolinea che l’approvazione del presidente nei confronti della linea adottata da Sullivan e Blinken ad Achorage invia “un forte segnale ai cinesi”. La Casa Bianca condivide la posizione critica rispetto al comportamento della Cina in questioni interne e in politica estera.

La Cina non ha mai accettato e non accetterà mai accuse ingiustificate da parte degli Stati Uniti, ha dichiarato il ministro Wang prima della chiusura dei colloqui. “Gli Stati Uniti dovrebbero abbandonare la loro vecchia cattiva abitudine all’egemonismo e abbandonare completamente il loro comportamento prepotente di interferire negli affari interni della Cina“, ha detto Wang. Notando che Anchorage si trova al centro della rotta aerea tra le capitali della Cina e gli Stati Uniti, Wang ha definito la città una “stazione di servizio” per gli scambi fra Cina e Stati Uniti e un “incrocio” per i due Paesi per incontrarsi a metà strada. “Negli ultimi anni, a causa della soppressione irrazionale dei diritti e degli interessi legittimi della Cina, le relazioni fra le parti hanno incontrato difficoltà senza precedenti; questa situazione ha danneggiato gli interessi dei due popoli così come la stabilità e lo sviluppo del mondo, e dovrebbe cessare“, ha affermato il capo della diplomazia cinese.



Secondo Wang, l’escalation di sanzioni degli Stati Uniti su questioni relative a Hong Kong il 17 marzo è una grave interferenza negli affari interni della Cina, e ha suscitato una forte indignazione tra il popolo cinese. “Non è normale che gli Stati Uniti accolgano gli ospiti introducendo sanzioni alla vigilia della partenza della parte cinese per questo dialogo. Se gli Stati Uniti vogliono aumentare il loro cosiddetto vantaggio sulla Cina attraverso l’Hong Kong Autonomy Act hanno fatto dei calcoli totalmente sbagliati in quanto questo espone solo la debolezza interna degli Usa”, ha detto il ministro. “Questa pratica non influenzerà affatto la posizione legittima della Cina, né scuoterà la ferma volontà del popolo cinese di salvaguardare la sovranità e la dignità della nazione”, ha aggiunto.

Poiché la parte statunitense, ha proseguito, ha menzionato una coercizione da parte della Cina nei confronti di alcuni Paesi, si dovrebbe chiarire se tale affermazione provenga da quei Paesi o dagli Stati Uniti stessi. “Se gli Stati Uniti sono parziali nei confronti di alcuni Paesi solo perché sono i suoi alleati, o addirittura si schierano con le loro parole e azioni sbagliate, sarà difficile uno sviluppo regolare delle relazioni internazionali. Se gli Stati Uniti lo desiderano, la Cina può collaborare con essi per scambiare opinioni sulla base del rispetto reciproco, assumersi le proprie responsabilità e portare a termine i compiti assegnati”, ha aggiunto Wang.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram