Italia-Cina, Malan (Fd’I): “Governo Draghi decida cosa fare con l’accordo sulla Nuova via della seta”

Lo ha dichiarato ad "Agenzia Nova" il senatore di Fratelli d'Italia, a margine dei lavori della conferenza “Countering China’s influence in Europe and Italy"

Di fronte alla penetrazione economica cinese, dal governo guidato da Mario Draghi “non abbiamo visto molto fino ad ora, solo qualche intervento a difesa rispetto a investimenti strategici nel settore delle telecomunicazioni e sulla rete 5G”, ma sull’accordo sulla Nuova via della seta “siamo ancora in attesa di sapere cosa farà il governo”. Lo ha dichiarato ad “Agenzia Nova” il senatore di Fratelli d’Italia (Fd’I) Lucio Malan, a margine dei lavori della conferenza “Countering China’s influence in Europe and Italy”, organizzata su iniziativa del senatore Adolfo Urso e in collaborazione con Fondazione Farefuturo, International Republican Institute e Comitato atlantico italiano. “Sul famoso accordo della Via della seta fatto dal primo governo Conte – che è stato un grave errore sia dal punto di vista politico poiché ha reso l’Italia un elemento poco affidabile per i Paesi occidentali, nessuno dei quali vi ha aderito, sia da quello economico, visto che le esportazioni italiane in Cina sono addirittura diminuite – siamo ancora in attesa di sapere cosa farà il governo Draghi: ci ritiriamo o restiamo lì con tutto quello che questo comporta? Questi sono fatti sia simbolici che concreti”, ha detto Malan.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS