La Ford Escort appartenuta alla principessa Diana sarà messa all’asta

L'auto fu un regalo da parte dell'allora promesso sposo principe Carlo

diana

La Ford Escort appartenuta alla giovane principessa Diana sarà messa all’asta dopo che l’attuale proprietaria, Tina Kirkpatrick, ne ha tenuto nascosta la storia per oltre 20 anni. L’auto fu un regalo da parte dell’allora promesso sposo principe Carlo, nel 1981, e si stima che possa raggiungere quotazioni tra le 30 e le 40 mila sterline (46.500 euro circa) quando sarà aperta alle offerte da una casa d’aste in Essex il 29 giugno. L’auto ha i documenti e targa originali, 83 mila miglia sul contachilometri e mantiene ancora i colori e la tappezzeria originale.



L’auto inoltre possiede sul cofano anteriore una copia della statuina argentata di una rana che Diana aveva installato in quanto regalo della sorella, Sarah Spencer. Kirkpatrick ha affermato che “certo, sapevo quando la comprai che apparteneva alla principessa Diana, è il motivo per cui la presi”, aggiungendo che “ero una sua grande fan”. “L’ho guidata come seconda auto sin da quando la comprai, molte persone mi chiedono perché la continuassi a tenere e ho sempre detto a tutti che era l’auto con cui passai il test della patente, e che ci ero affezionata”, ha aggiunto. La donna ha affermato di “sentire che la sua storia (dell’auto) e la sua provenienza fossero così uniche che non volevo che molte persone lo sapessero”.

Diana guidò l’auto dal maggio 1981 all’agosto 1982, due mesi dopo la nascita del primogenito principe William. Nel 1995 fu venduta per 6 mila sterline ad un antiquario che la regalò alla figlia, prima che la Escort fosse venduta a Kirkpatrick. La casa d’aste ha confermato la storia della donna, affermando di aver verificato i passaggi di proprietà, il numero di registrazione del telaio e di aver verificato l’estetica dell’auto con le molte foto dell’epoca disponibili che raffigurano principessa alla guida dell’auto.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram