La società dell’app cinese Didi, non era a conoscenza delle indagini sulla sicurezza informatica

Lo ha reso noto la stessa società a seguito della richiesta di rimozione dell'applicazione

DIDI-CINA

L’app cinese per il trasporto urbano Didi Global non era a conoscenza dell’indagine avviata dall’autorità di controllo informatico sulla quotazione di 4,4 miliardi di dollari alla borsa di New York della scorsa settimana. Lo ha reso noto la stessa società a seguito della richiesta di rimozione dell’app da parte delle autorità per via di presunte irregolarità nella “gestione dei dati dei clienti”.



Didi non era a conoscenza delle decisioni della commissione, annunciate il 2 luglio e il 4 luglio 2021, in merito alla revisione della sicurezza informatica e alla sospensione delle registrazioni di nuovi utenti in Cina e alla rimozione dell’app”, ha fatto sapere la società in una nota. La reazione di Didi giunge dopo che il regolatore informatico cinese ha ordinato ad alcune piattaforme online di rimuovere l’app per i servizi di trasporto a causa di segnalazioni confermate di “gravi violazioni della legge e dei regolamenti” nella raccolta e nell’uso di informazioni personali. L’Ufficio di revisione della sicurezza informatica cinese ha invitato la società Didi Chuxing a rettificare i regolamenti per garantire la sicurezza delle informazioni personali degli utenti.

La società ha risposto promettendo il rigoroso rispetto dei requisiti e miglioramenti per un servizio sicuro. Intanto per Didi, che offre servizi in Cina e in più di 15 altri mercati, è stata interrotta la registrazione di nuovi utenti e l’app verrà rimossa dagli store per la mancata conformità con le regole pertinenti. Inoltre, l’Ufficio di revisione ha dichiarato oggi che indagherà sulla piattaforma dedicata al lavoro Boss Zhipin e su due piattaforme per i trasporti, Yunmanman e Huochebang, parte della Full Truck Alliance quotata a New York, citando ragioni di sicurezza nazionale. Al fine di affrontare i rischi di violazione dei dati nazionali, mantenere la sicurezza e proteggere gli interessi pubblici, i controlli avverranno in conformità con le leggi pertinenti, secondo un avviso pubblicato lunedì dall’ufficio. La registrazione di nuovi utenti sulle tre piattaforme è stata bloccata durante la revisione.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

TAGS