La vice segretaria di Stato Usa Sherman sarà in Cina nei prossimi giorni

Lo ha reso noto il dipartimento di Stato in un comunicato

La vice segretaria di Stato Usa Wendy Sherman si recherà in visita in Cina dal 25 al 26 luglio prossimi. Lo ha reso noto il dipartimento di Stato in un comunicato, precisando che la vice di Antony Blinken vedrà il ministro degli Esteri cinese Wang Yi e altri dirigenti della Repubblica popolare a Tianjin, a sud-est di Pechino. La tappa in Cina per Sherman arriverà dopo quelle in Giappone, in Corea del Sud e in Mongolia. Dopo aver lasciato Tianjin, la numero due del dipartimento di Stato si recherà anche in Oman. La visita giunge in un momento di massima tensione tra Stati Uniti e Cina, con il presidente Usa Joe Biden che lunedì 19 luglio ha accusato la Repubblica popolare di essere dietro l’attacco informatico che ha colpito nelle scorse settimane i server di posta elettronica Microsoft. I colloqui in Cina, fa sapere il dipartimento di Stato, rientrano “nel quadro degli sforzi degli Usa volti a tenere un confronto franco, a gestire le relazioni in maniera responsabile e a promuovere i propri interessi”.

Sherman discuterà con i propri interlocutori di “dossier nei quali le azioni della Repubblica popolare cinese provocano forti preoccupazioni” a Washington, così come di questioni sulle quali gli interessi delle due potenze “sono in linea”. Secondo alcune indiscrezioni di stampa, i colloqui tra Sherman e Wang potrebbero aprire la strada a un potenziale incontro tra i presidenti Biden e Xi Jinping a Roma a ottobre, a margine del vertice G20. La scorsa settimana il quotidiano di Hong Kong “South China Morning Post” ha scritto che il governo cinese avrebbe voluto che Sherman incontrasse a Tianjin solo il suo omologo Xie Feng e non il ministro Wang Yi. Quella della vice segretaria di Stato sarà la seconda visita di un alto funzionario dell’amministrazione Biden in Cina (la prima è stata quella dell’inviato per il Clima John Kerry ad aprile).

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram