Latina: traffico di droga ed estorsioni, 33 misure cautelari collegate a clan Di Silvio

L'operazione è scattata a seguito di indagini dirette dalla Direzione distrettuale antimafia

cocaina LATINA

Dalle prime luci dell’alba a Latina, la polizia sta eseguendo un’operazione anticrimine e notificando di 33 misure cautelari, nei confronti di persone indiziate, a vario titolo, di aver commesso reati di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, sequestro di persona, spaccio di droga, furto, detenzione e porto abusivo di armi, reati aggravati dal metodo mafioso e da finalità di agevolazione mafiosa.



L’operazione è scattata a seguito di indagini dirette dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma, che ha ipotizzato l’esistenza di un nuovo sodalizio di matrice mafiosa e origine autoctona riconducibile al gruppo di etnia Rom di Di Silvio Giuseppe detto Romolo. Si tratta di un’organizzazione strutturata su base familiare e territoriale, già protagonista di gravissimi episodi criminali a Latina, che si è nel tempo sempre più radicata sul territorio tanto nello spaccio di stupefacenti quanto nelle attività estorsive.

In particolare le estorsioni evidenziano come il clan riesca ancora oggi a incutere timore, a piegare la volontà delle vittime, in alcuni casi vessate da anni, senza subire denunce in ragione del clima di omertà generato proprio dal terrore che gli appartenenti alla famiglia Di Silvio incutono sulla popolazione locale.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

TAGS