L’Aviazione Usa prepara operazioni per mantenere la presenza militare in Afghanistan

Lo riferisce il periodico "Air Force Magazine", che cita le dichiarazioni del segretario dell'Aviazione John P. Roth

esercito - militari-usa

L’Aviazione militare degli Stati Uniti darà priorità al mantenimento della presenza nel Medio Oriente tramite operazioni “oltre l’orizzonte” (“over-the-orizon”) in vista del ritiro completo delle Forze Usa dall’Afghanistan. Lo riferisce il periodico “Air Force Magazine”, che cita le dichiarazioni del segretario dell’Aviazione facente funzioni, John P. Roth, nel corso di una audizione al Senato federale Usa, lo scorso 8 giugno. Roth ha ricordato che il bilancio della Difesa richiesto per il 2022 prevede una riduzione di circa un miliardo di dollari dei fondi destinati alle operazioni belliche dell’Aeronautica militare, che riflette direttamente il ritiro degli Usa dall’Afghanistan. Il Pentagono ha comunque assegnato un fondo di 10 miliardi di dollari alla “prosecuzione della presenza” militare statunitense nell’area di competenza del Comando centrale Usa. “Disponiamo di una serie di basi aeree (nella regione), ed è da esse che eserciteremo la nostra capacità operativa oltre l’orizzonte”, ha spiegato Roth.

 

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram