Le tensioni tra Usa e Cina hanno fatto crollare gli investimenti tecnologici

E' quanto emerge dall'ultimo rapporto tecnologico annuale di Bain and Co.

usa cina biden xi jinping

Le tensioni tra Stati Uniti e Cina e la corsa al primato tecnologico globale tra le due potenze hanno fatto crollare gli investimenti reciproci nel settore dell’alta tecnologia, a conferma del processo di “disaccoppiamento” delle catene di fornitura nei settori cruciali delle due economie. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto tecnologico annuale di Bain and Co., secondo cui tra il 2016 e il 2020 gli investimenti diretti tra i due Paesi sono crollati del 75 per cento, da 62 a 16 miliardi di dollari. Gli investimenti nel settore tecnologico, in particolare, si sono ridotti del 96 per cento. Gli investimenti cinesi negli Usa sono calati assai più di quelli operati in senso contrario, per effetto della stretta di Washington sulle aziende della prima potenza asiatica.



“L’ambiente degli affari per le aziende cinesi negli Usa è stato probabilmente meno sicuro che in passato, e (le aziende cinesi) hanno orientato la loro attenzione verso Europa e Africa”, ha commentato Anne Hoeker, responsabile del rapporto annuale. Gli investimenti diretti della Cina negli Stati Uniti sono ammontati ad appena 7,2 miliardi di dollari nel 2020, mentre nel 2016 erano arrivati alla cifra complessiva di 48,5 miliardi di dollari. Gli investimenti Usa in Cina, invece, sono calati del 35 per cento nel medesimo periodo, e lo scorso anno sono ammontati a 8,96 miliardi di dollari.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS