L’Ema avvia la valutazione per l’uso di Moderna sui bambini tra 6 e 11 anni

Si tratta di una tempistica ridotta rispetto a simili tipi di revisione al di fuori di una pandemia

moderna

L’Agenzia europea dei medicinali (Ema) ha annunciato di iniziare a valutare l’uso del vaccino anti Covid-19 Spikevax, sviluppato da Moderna, nei bambini dai 6 agli 11 anni. Il comitato per i farmaci umani dell’Ema (Chmp) esaminerà i dati sul vaccino, compresi i risultati di uno studio clinico in corso che coinvolge bambini dai 6 agli 11 anni, per decidere se raccomandare di estenderne l’uso. La tempistica di qualsiasi valutazione dipende sempre dai dati che vengono presentati.



L’attuale calendario per la valutazione prevede un’opinione in circa 2 mesi, a meno che non siano necessarie informazioni o analisi supplementari. Si tratta di una tempistica ridotta rispetto a simili tipi di revisione al di fuori di una pandemia. L’Ema comunicherà il risultato della sua valutazione. L’opinione del Chmp sarà poi trasmessa alla Commissione europea, che emetterà una decisione finale.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram