Libano: Najib Mikati è il nuovo primo ministro designato

Il miliardario libanese sunnita di Tripoli ha ottenuto le preferenze di 72 deputati

Il miliardario libanese sunnita di Tripoli, Najib Mikati, è stato incaricato di formare l’esecutivo, dopo che il 15 luglio scorso Saad Hariri ha gettato la spugna, dopo nove mesi di negoziato. Durante le consultazioni con i rappresentanti dei vari partiti condotte oggi dal capo dello Stato, Michel Aoun, Mikati ha ottenuto le preferenze di 72 deputati, una preferenza è andata a Nawaf Salam, 42 deputati si sono astenuti, mentre altri tre erano assenti (Nouhad Machnouk, Talal Arslane e Mustapha Housseini).



Mikati ha ottenuto il sostegno della maggioranza dei blocchi parlamentari, tra cui il movimento sciita Hezbollah e il partito Al Mustaqbal di Hariri. Al contrario, Mikati non ha ottenuto il sostegno dei blocchi cristiani Repubblica forte (Forze libanesi) e Libano forte (Corrente patriottica libera). Secondo quanto riferisce l’emittente “Mtv” che cita fonti vicine a Mikati, quest’ultimo avrà tempo fino al 4 agosto per formare il governo. Mikati, 65 anni, è stato primo ministro due volte: nel 2005, dopo l’assassinio di Rafic Hariri, quando guidava un governo che sovrintendeva allo svolgimento delle elezioni legislative dopo il ritiro siriano dal Libano; e nel 2011, quando è tornato come capo del governo con il sostegno dell’Alleanza dell’8 marzo (Hezbollah e Corrente patriottica libera).

Secondo l’ultima classifica annuale pubblicata dalla rivista “Forbes”, Nagib Mikati e suo fratello Taha, che hanno fatto fortuna nel settore delle telecomunicazioni, sono tra le sei persone più ricche del Libano, insieme a quattro membri della famiglia dell’ex primo ministro assassinato Rafic Hariri.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

TAGS