Libia: la ministra degli Esteri Mangoush inizia oggi una visita di due giorni in Italia

La titolare della diplomazia libica sarà ricevuta a Roma da Luigi Di Maio

libia mangoush

La ministra degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale della Libia, Najla el Mangoush, inizia oggi una visita ufficiale in Italia di due giorni. E’ quanto appreso “Agenzia Nova” da fonti qualificate. La titolare della diplomazia libica sarà ricevuta a Roma dal responsabile della Farnesina, Luigi Di Maio, e sono previsti incontri con altri esponenti del governo e del Parlamento italiano per colloqui nei settori della difesa, delle migrazioni e dello sviluppo economico.



Nel corso della missione della Mangoush – la prima in Europa a livello bilaterale, dopo la visita in Tunisia dell’8 aprile scorso – sarà concordata anche la prossima riunione della Commissione tecnica economica congiunta italo-libica (Cecil). Si tratta del quinto contatto tra i membri dell’esecutivo italiano e le nuove istituzioni del Governo libico di unità nazionale guidato dal premier Abdlhamid Dabaiba, dopo la doppia visita del ministro degli Esteri Di Maio (il 21 marzo in forma bilaterale, il 25 marzo insieme ai colleghi Ue), del presidente del Consiglio Mario Draghi, il 6 aprile, e della ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, lunedì scorso, 19 aprile.

El Mangoush, originaria di Bengasi, è un avvocato di professione e ha lavorato come docente e ricercatrice universitaria su temi come la costruzione della pace in aeree di conflitto. E’ la prima donna a ricoprire il ruolo di ministro degli Affari esteri nella storia della Libia. Ha lavorato in passato per conto di diversi Paesi arabi e stranieri in Libia su molti progetti legali e di negoziazione. El Mangoush ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui una borsa di studio del governo degli Stati Uniti per l’eccellenza accademica e un certificato della George Mason University, oltre a un certificato di formazione nel trattare traumi psicologici di guerra.



La ministra degli Esteri del Governo di unità nazionale “ad interim” della Libia ha conseguito, inoltre, diversi master tra cui uno in diritto penale presso l’Università di Bengasi e uno in gestione dei conflitti e della pace presso la Eastern Mini Knight University of America. Vanta inoltre un dottorato in gestione dei conflitti e della pace presso la George Mason University.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram