Mar Nero: Russia, “ferma protesta” contro l’attraversamento illegale della Defender

"Nel caso in cui questi episodi si dovessero ripetere, la responsabilità sarà interamente del Regno Unito" si legge

defender

La Russia “protesta fermamente” per l’attraversamento illegale dei suoi confini da parte del cacciatorpediniere britannico Hms Defender. È quanto si legge in una nota del ministero degli Esteri russo, pubblicata dopo aver ricevuto questa mattina l’ambasciatrice britannica, Deborah Bronnert. Nel caso in cui questi episodi si dovessero ripetere, la responsabilità sarà interamente del Regno Unito, si legge ancora nella nota del dicastero russo.



“Una forte protesta è stata presentata all’ambasciatrice per la violazione del confine della Federazione Russa e le azioni provocatorie e pericolose della nave della Marina britannica nelle acque territoriali della Federazione Russa”, si legge nella nota. La violazione territoriale, secondo la parte russa, è da considerarsi “una grave inosservanza la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982”. “Un’attenzione particolare è stata prestata al fatto che in caso di ripetizione di tali provocazioni, ogni responsabilità per le loro possibili conseguenze ricadrà interamente sulla parte britannica”, ha aggiunto il ministero degli Esteri russo.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram