Mattarella: “Momento di rilancio per l’Italia, ora serve una crescita veloce”

Il capo dello Stato ha inaugurato l’anno accademico dell’Università degli studi di Brescia

mattarella

Questo è il momento del rilancio dell’Italia. E’ questo il messaggio che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha lanciato oggi da Brescia, una delle città simbolo della lotta al Covid. Il capo dello Stato, inaugurando questa mattina l’anno accademico dell’Università degli studi di Brescia, ha ricordato la grande capacità di resistenza della città e della sua provincia durante la fase più acuta della pandemia ed ha auspicato una crescita veloce per il nostro Paese.



“La vicinanza di tutto il Paese a Brescia – ha ricordato Mattarella – è stata ampia. Questo è il tempo del rilancio comune ed è una condizione che sottolinea quanto grande sia stata la capacità di resistenza della città”. Secondo il presidente adesso bisogna essere proiettati verso il futuro. “Questo è il carattere di questo momento storico – ha osservato -, l’attenzione al futuro, alla ripresa, a quella che viene chiamata con un termine approssimativo la ripartenza”. Bisogna andare alla “ricerca di una normalità nuova, di una normalità più consapevole che renda possibile una vera crescita veloce nel nostro Paese”.

Per Mattarella la pandemia ha “dimostrato quanto dipendiamo gli uni dagli altri, quanto abbiamo bisogno degli altri”. Ecco perché, ha spiegato, è “necessario che ciascuno faccia la sua parte”. Sul piano internazionale, ha precisato, “mi auguro che questo serva come insegnamento per accantonare motivi di contrasto o contrapposizione di fronte a pericoli davanti ai quali tutti abbiamo le stesse fragilità ed esigenze. Nella dimensione nazionale questo ci richiama al senso della solidarietà, a fare ognuno la propria parte”.



Durante il suo intervento, il capo dello Stato ha ribadito anche l’importanza dell’istruzione. Dopo l’interruzione dovuta alla pandemia, ha annunciato, “il mio tour nelle Università del nostro Paese continuerà negli ultimi mesi della mia presidenza. E non perché mia vita è sempre stata nell’Università ma perché siamo consapevoli dell’importanza che gli atenei rivestono nel nostro Paese”. Da qui, ha aggiunto il presidente, “l’esigenza di rafforzarli, incoraggiarli e sorreggerli anche nell’obiettivo di aumentare il livello di istruzione universitaria, dei laureati, nel nostro Paese”. La giornata di Mattarella a Brescia è proseguita con la visita al Capitolium per vedere la Vittoria Alata riposizionata e restaurata, in occasione della Giornata internazionale dei musei, e con l’arrivo all’hub vaccinale del Brixia Forum.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram