Migranti, incontro tra Darmanin e Lamorgese: la Francia sostiene l’Italia sul nuovo Patto Ue

E' quanto emerge dall'incontro di oggi a Parigi tra i ministri dell'Interno di Italia e Francia

Lamorgese Darmanin

La Francia sostiene l’Italia nelle trattative sul nuovo Patto Ue su immigrazione e asilo, comprendendo l’esigenza di includere una “solidarietà obbligatoria” tra i Paesi membri. E’ quanto emerge dall’incontro di oggi a Parigi tra i ministri dell’Interno di Italia e Francia, Luciana Lamorgese e Gerald Darmanin. Secondo Lamorgese, “i rapporti bilaterali tra Francia e Italia anche nel delicato e complesso ambito di competenza dei ministri dell’Interno versano in un ottimo stato di salute“. Lamorgese ha osservato che quello odierno è il terzo incontro dall’estate scorsa con l’omologo francese a testimonianza di un dialogo “continuo e proficuo”.



“La Francia ha sempre dimostrato di saper essere al fianco dell’Italia, anche quando si tratta di condividere temi nevralgici dell’agenda europea come quello dell’immigrazione e dell’asilo”, ha sottolineato Lamorgese, confermando che uno dei temi centrali nel colloquio di oggi è stato relativo alla trattativa europea per il nuovo Patto migrazione e asilo. “Deve rappresentare un giusto punto di equilibrio tra le responsabilità attribuite ai Paesi membri di primo ingresso e gli strumenti di solidarietà messi in campo dagli altri Stati”, ha dichiarato Lamorgese aggiungendo: “E’ prioritario raggiungere un consenso tra gli Stati più volenterosi su un nuovo meccanismo di solidarietà fondato principalmente su di una ‘relocation’ a favore dei migranti salvati in mare che sbarcano in seguito ad eventi Sar. Il meccanismo condiviso a Malta – che ha dato ottimi risultati nel 2019 grazie anche a un forte impegno della Francia – è infatti sospeso da troppo tempo, anche a causa della pandemia, mentre continuano gli arrivi via mare”.

Dal ministro dell’Interno di Parigi è stata riaffermata la volontà della Francia di sostenere la posizione dell’Italia sul nuovo Patto Ue per l’immigrazione e l’asilo. In particolare, secondo Darmanin, è necessario introdurre un principio di “solidarietà obbligatoria” da parte di tutti i Paesi membri dell’Ue. Il ministro dell’Interno francese ha quindi affermato la volontà di rendere gli accordi della Valletta obbligatori per tutti i Paesi dell’Ue inserendoli anche nella legislazione europea. “L’Europa deve aiutare alla migliore tenuta delle frontiere esterne”, ha detto Darmanin, sottolineando l’importanza dei principi di “solidarietà e responsabilità”. “Capiamo le difficoltà che ha l’Italia, il popolo italiano, il governo italiano” riguardo l’immigrazione dovute alla sua “posizione geografica”, ha detto il ministro francese, sottolineando che Parigi si è assunta la sua “parte di solidarietà”.



Nel corso dell’incontro stati esaminati infine i rapporti bilaterali relativi alla gestione della frontiera comune. “La collaborazione e la comprensione reciproca ora sono complete come sta dimostrando l’operatività della Brigata mista italo-francese in funzione di potenziamento dell’attività di contrasto dell’immigrazione irregolare da parte delle forze di polizia”, ha affermato il ministro Lamorgese.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram