Migranti: intesa Macron-Putin sulla riduzione delle tensioni al confine tra Polonia e Bielorussia

Lo ha reso noto l'Eliseo, spiegando che i due presidenti hanno avuto un colloquio telefonico di un'ora e 45 minuti

francia repubblica centrafricana-macron

Il presidente francese Emmanuel Macron e l’omologo russo Vladimir Putin hanno trovato un’intesa su una “de-escalation” delle tensioni alla frontiera tra Bielorussia e Polonia dove si trovano migliaia di migranti che cercano di entrare nell’Unione europea. Lo ha reso noto l’Eliseo, spiegando che i due presidenti hanno avuto un colloquio di un’ora e 45 minuti. “La nostra speranza è che questo lungo colloquio potrà portare nei prossimi giorni de risultati” sulla gestione dei flussi migratori che provengono dalla Bielorussia e si dirigono verso i confini polacchi, ha fatto sapere la presidenza francese. Putin, secondo quanto riferito dall’Eliseo, ha poi fatto sapere che parlerà del dossier al presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko.



Nel corso del colloquio telefonico, il presidente francese Emmanuel Macron ha espresso all’omologo russo Vladimir Putin la “preoccupazione” della Francia e la sua volontà nel “difendere l’integrità territoriale dell’Ucraina“. Secondo quanto riportato dalla presidenza francese, Putin durante le discussioni si è limitato a confermare “l’analisi che dà spesso sul fatto che la negoziazione sarebbe messa in difficoltà a causa delle autorità ucraine”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS