Ministra britannica Truss: “Aukus mostra impegno per la sicurezza della regione”

Lo ha scritto in un articolo a sua firma la nuova titolare del ministero degli Esteri

L’accordo Aukus, siglato da Australia, Regno Unito e Stati Uniti, dimostra l’impegno dei tre Paesi a favore della “sicurezza e la stabilità della regione indo-pacifica”. Lo ha scritto in un articolo a sua firma la nuova ministra degli Esteri britannica, Liz Truss, in quella che è la sua prima dichiarazione ufficiale da quando ha assunto l’incarico al posto di Dominic Raab.



L’accordo Aukus “mostra la nostra disponibilità a essere ostinati nel difendere i nostri interessi e sfidare pratiche sleali e atti maligni”, facendo un velato riferimento alla crescente potenza militare della Cina e al suo approccio aggressivo in ambito commerciale. “Le libertà devono essere difese e per questo motivo stiamo costruendo forti legami di sicurezza in tutto il mondo. Ecco perché la scorsa settimana il primo ministro Boris Johnson ha annunciato, insieme ai nostri amici, il presidente statunitense Joe Biden e il primo ministro Scott Morrison, la creazione di un nuovo partenariato per la sicurezza chiamato Aukus”, ha aggiunto Truss nel suo articolo, pubblicato a poche ore dalla sua partenza, insieme al primo ministro, alla volta degli Stati Uniti per partecipare all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Il Regno Unito sta “collaborando con Paesi che la pensano allo stesso modo per costruire coalizioni basate su valori condivisi e interessi condivisi” e l’accordo Aukus potrebbe “creare centinaia di posti di lavoro nuovi e altamente qualificati, dai cantieri navali di Govan alle fabbriche di Tyneside”, ha affermato la ministra. Il Regno Unito si sta posizionando “al centro di una rete di partenariati economici, diplomatici e di sicurezza” e ha promesso che, da questo fine settimana, “inizierà un autunno in cui il Regno Unito pianterà la sua bandiera sulla scena mondiale”, ha aggiunto Truss. Sembra che sia stato il predecessore della ministra, Dominic Raab, a mediare l’accordo Aukus nonostante gli avvertimenti sul fatto che quest’intesa avrebbe potuto danneggiare le relazioni con Cina e Francia. I dettagli, si legge sul “Telegraph”, sarebbero stati definiti al vertice del G7 dello scorso giugno a Carbis Bay, all’insaputa del presidente francese, Emmanuel Macron. A Whitehall, il complesso di edifici dove ha sede l’esecutivo, i documenti relativi all’accordo sono stati contrassegnati come “top secret” e i negoziati si sono svolte durante le riunioni del Cobra, il comitato per la sicurezza nazionale convocato dal primo ministro.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram

TAGS