Mozambico: le forze di sicurezza uccidono il leader della Resistenza armata Renamo

Nhongo guidava un gruppo di ex combattenti che si sono organizzati nell'autoproclamata Giunta militare Renamo

mozambico-palma cabo delgado

Le Forze di difesa e sicurezza del Mozambico hanno ucciso il leader della Resistenza nazionale del Mozambico (Renamo), Mariano Nhongo, nel quadro di un’operazione lanciata nel centro del Paese con l’obiettivo di arrestarlo. Lo ha confermato il comandante della polizia nazionale mozambicana (Prm), Bernardino Rafael, in una conferenza stampa convocata per chiarire le circostanze delle operazioni, lanciate la scorsa settimana nei boschi di Sofala dopo la scoperta del nascondiglio di Nhongo. Storico leader della principale opposizione armata del Mozambico, Nhongo guidava un gruppo di ex combattenti che si sono organizzati nell’autoproclamata Giunta militare Renamo. Le autorità di Maputo lo ritengono responsabile di aver ucciso almeno 30 persone dal 2019 per sfidare l’accordo di pace firmato quell’anno con il governo e le condizioni offerte ai miliziani per il disarmo. Nel quadro dell’operazione, avvenuta questa mattina, le forze di sicurezza hanno recuperato tre armi e circa un centinaio di munizioni.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS