Myanmar: la settimana prossima inizierà il processo ad Aung San Suu Kyi

Lo scrive il portale “Channel News Asia” citando l’avvocato Min Min Soe

myanmar

Inizierà la prossima settimana il processo nei confronti di Aung San Suu Kyi, la leader del Myanmar deposta con un colpo di Stato militare lo scorso primo febbraio. Lo scrive il portale “Channel News Asia” citando l’avvocato Min Min Soe, che ha incontrato questa mattina la sua assistita nella capitale Naypyidaw. Sulla ex consigliera di Stato birmana, che si trova agli arresti domiciliari e finora ha potuto incontrare solo due volte il suo avvocato, pendono svariati capi d’accusa, tra i quali quelli per violazione delle restrizioni contro la pandemia di Covid-19 durante la campagna elettorale dello scorso anno e per possesso illegale di ricetrasmittenti. La giunta militare ora al potere in Myanmar ha anche minacciato di sciogliere il partito politico guidato da Aung San Suu Kyi, la Lega nazionale per la democrazia (Lnd), accusata di aver commesso brogli elettorali in occasione del voto dello scorso novembre.



Dopo il colpo di Stato, avvenuto nel giorno in cui era previsto l’insediamento di un nuovo parlamento dominato dall’Lnd e nel quale il partito appoggiato dai militari avrebbe avuto solo il 5 per cento dei seggi, una parte della popolazione birmana ha organizzato un Movimento di disobbedienza civile che è tuttora in corso. Le proteste sono state frequentemente represse con violenza dai militari, con la conseguente morte di più di 850 persone secondo i dati dell’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici (Aapp).

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram