Morte Carla Fracci, lutto cittadino a Milano

Il sindaco Beppe Sala prenderà parte alla commemorazione

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala in occasione delle esequie di Carla Fracci ha proclamato il lutto cittadino, in segno di cordoglio per la sua scomparsa e di partecipazione dell’intera comunità milanese e ha disposto l’esposizione della bandiera civica a mezz’asta nelle sedi comunali. Lo fa sapere una nota di Palazzo Marino.



Nel 1981 il New York Times la definì prima ballerina assoluta. La ballerina lottava contro una grave malattia da tempo. Nata da una famiglia di umili origini, il padre era un tramviere dell’Atm, aveva studiato con Vera Volkova e, nel 1958 era diventata prima ballerina del Piermarini.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, profondamente commosso dalla morte di Carla Fracci ne ricorda in una dichiarazione “le straordinarie doti artistiche e umane, che hanno fatto di lei una delle più grandi ballerine classiche dei nostri tempi a livello internazionale. Carla Fracci ha onorato – continua il capo dello Stato -, con la sua eleganza e il suo impegno artistico, frutto di intenso lavoro, il nostro Paese. Esprimo le più sentite condoglianze ai familiari e al mondo della danza, che perde oggi un prezioso e indimenticabile riferimento”. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha appreso con profonda commozione la notizia della scomparsa. “Ha rappresentato nel mondo l’arte della danza – dichiara il presidente Draghi – esempio di passione per intere generazioni, interprete eccezionale, una grande italiana”.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram