Omicidio Cerciello Rega: scrisse “uno in meno” sui social, insegnante condannata a otto mesi

L'avvocato della vedova, Massimo Ferrandino, contattato da "Agenzia Nova", si ritiene "totalmente soddisfatto del risultato"

cerciello rega

Scrisse sui social “uno in meno e chiaramente con sguardo poco intelligente. Non ne sentiremo la mancanza”, commentando la morte del carabiniere Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma nel 2019, dopo una colluttazione con due giovanissimi turisti statunitensi. Eliana Frontini, la professoressa dell’istituto Pascal di Romentino in provincia di Novara, è stata condannata a otto mesi di reclusione con la sospensione condizionale, al termine del processo con rito abbreviato per vilipendio alle forze armate e diffamazione.



Il marito della donna, Norberto Breccia, che inizialmente si era attribuito la responsabilità delle dichiarazioni ed era accusato di favoreggiamento, è stato prosciolto dalle accuse. L’insegnante è stata condannata anche al risarcimento delle parti civili entro un anno per ottenere il beneficio della sospensione condizionale della pena. Le cifre stabilite sono di 8.000 mila euro per la vedova del carabiniere ucciso Rosa Maria Esilio e 5.000 euro per il Ministero della Difesa. L’avvocato della vedova, Massimo Ferrandino, contattato da “Agenzia Nova”, si ritiene “totalmente soddisfatto del risultato”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS